Apri il menu principale

Jacopo della Pila

scultore italiano
Jacopo della Pila, Monumento sepolcrale di Diego I Cavaniglia nel convento di San Francesco a Folloni, Montella, 1481

Jacopo Della Pila (Milano, ... – Napoli, ...) è stato uno scultore italiano.

BiografiaModifica

Poco si sa del Della Pila, che aveva senz'altro origini milanesi. La sua attività è documentata nel Regno di Napoli tra il 1471 e il 1502, dopo una probabile formazione romana. Prima opera di rilievo è il Monumento sepolcrale del vescovo Nicola Piscitelli nel duomo di Salerno, datata 1471, in cui è già presente uno schema compositivo che lo scultore replicherà più volte e che recuperava la tradizione trecentesca, piuttosto consueto nella produzione napoletana del periodo: un sepolcro poggiato su tre pilastrini cui si addossano le tre Virtù (Fede, Speranza e Carità), segni del merito terreno del defunto mentre sulla cassa tre ghirlande circondano San Matteo, la Madonna col Bambino e San Marco.

Al periodo immediatamente successivo appartengono i sepolcri di Garzia Cavaniglia e di Antonio Carafa detto "il Malizia" per le chiese napoletane di Monteoliveto e San Domenico Maggiore, nonché di quello di Diego I Cavaniglia in San Francesco a Folloni presso Montella, datato 1481. Incerta la data di realizzazione del sepolcro di Costantino Castriota a Santa Maria la Nova a Napoli.

L'interesse per la scultura classica è evidente nel Tabernacolo per la cappella di San Barbara in Castel Nuovo, opera degli anni '80 del Quattrocento. Tra il 1492 e il 1500 realizza il sepolcro di Tommaso Brancaccio sempre in San Domenico Maggiore a Napoli e in cui ripete lo schema con il sepolcro retto dalle tre Virtù.

La data di morte del Della Pila resta ignota.

OpereModifica

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN95884935 · GND (DE1080665463 · ULAN (EN500033021 · CERL cnp02135758 · WorldCat Identities (EN95884935