James Hartle

fisico statunitense
James Burkett Hartle

James Burkett Hartle (Baltimora, 20 agosto 1939) è un fisico statunitense.

BiografiaModifica

Dal 1966 professore di Fisica presso l'Università della California di Santa Barbara, è attualmente membro della facoltà esterna del Santa Fe Institute. È noto per il suo lavoro sulla relatività generale, in astrofisica, e nell'interpretazione della meccanica quantistica.

In collaborazione con Murray Gell-Mann ed altri, ha sviluppato un'alternativa all'interpretazione di Copenaghen, più generale, e adatta alla cosmologia quantistica, basata sulle storie consistenti.

Nel 1964 in collaborazione con Dieter Brill, ha scoperto il geon Brill–Hartle, una soluzione approssimata (su un'ipotesi del Wheeler) di un fenomeno ipotetico, di come, un pacchetto di onde gravitazionali possa rimanere confinato in una regione compatta dello spazio-tempo grazie all'attrazione gravitazionale sviluppata dal suo campo d'energia.[1]

Nel 1983, presso l'Istituto Enrico Fermi dell'Università di Chicago, sviluppò, in collaborazione con Stephen Hawking, lo stato di Hartle-Hawking, nel quale una specifica soluzione all'Equazione Wheeler-DeWitt intende spiegare le condizioni iniziali del Big Bang.

Hartle è autore del testo sulla relatività generale dal titolo : "Gravity : an Introduction to Einstein's General Relativity".[2]

NoteModifica

  1. ^ Brill, D. R.; and Hartle, J. B., Method of the Self-Consistent Field in General Relativity and its Application to the Gravitational Geon, in Phys. Rev., vol. 135, 1964, pp. B271, Bibcode:1964PhRv..135..271B, DOI:10.1103/PhysRev.135.B271.
  2. ^ Hartle, James B., Gravity: an Introduction to Einstein's General Relativity, San Francisco, Addison–Wesley, 2003, ISBN 0-8053-8662-9.,

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN17283590 · ISNI (EN0000 0001 1747 6150 · LCCN (ENn86011787 · GND (DE105326156X · BNF (FRcb12279199k (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n86011787