Apri il menu principale

Jean-Luc Martinez

conservatore del Museo del Louvre

Jean-Luc Martinez (Parigi, 22 marzo 1964) è un archeologo e storico dell'arte francese specializzato nella scultura greca antica. Dal 3 aprile 2013 è presidente e direttore del Museo del Louvre.

Indice

BiografiaModifica

Diplomato alla Scuola del Louvre, ottiene la cattedra di associato di storia nel 1989. Dal 1993 al 1996 è membro della Scuola francese d'archeologia di Atene e partecipa a campagne di ricerca a Delo e a Delfi. Insegna archeologia all'Institut catholique de Paris e all'Université Paris-Ouest-Nanterre-La-Défense[1]. Nel 1997 diventa conservatore capo del patrimonio al museo del Louvre, con delega alle sculture greche antiche e, nel contempo, insegna all'École du Louvre. Per decreto del 4 settembre 2007, viene integrato nel corpo dei conservatori del patrimonio, effettivo il primo giugno 2007.[2]

Dal 2007 al 2013 è direttore del dipartimento di antichità greche, etrusche e romane del museo del Louvre. Nell'aprile 2013 succede a Henri Loyrette alla carica di presidente direttore dello stesso museo.[3][4] Tra i suoi obiettivi di mandato figura quello di rendere il Louvre "più generoso, corretto e accessibile".

In risposta alla distruzione del patrimonio storico-artistico in Siria e Iraq, scrive nel novembre 2015 un rapporto al presidente della repubblica francese intitolato Cinquanta proposte francesi per proteggere il patrimonio dell'umanità.

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ «Jean-Luc Martinez, nouveau patron du Louvre», La Croix, 3 avril 2013
  2. ^ Décret du 4 septembre 2007 portant intégration dans le corps des conservateurs du patrimoine - M. Martinez (Jean-Luc)
  3. ^ Nathaniel Herzberg, Un archéologue prend la direction du Louvre, su lemonde.fr. URL consultato il 3 aprile 2013.
  4. ^ Légifrance Décret du 5 avril 2013 portant nomination du président de l’Établissement public du musée du Louvre - M. MARTINEZ (Jean-Luc)
  5. ^ Decreto del 31 dicembre 2015

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN42023099 · ISNI (EN0000 0001 0891 9212 · LCCN (ENn2002161662 · GND (DE133228932 · BNF (FRcb13773822g (data)