Jeep Compass

autovettura del 2006 prodotta dalla Jeep
Jeep Compass
Descrizione generale
Costruttore Stati Uniti  Jeep
Tipo principale SUV
Produzione dal 2006
Serie Prima serie (MK) (2006–2016)
Seconda serie (MP) (dal 2016)

La Jeep Compass è un'automobile di segmento C prodotto dalla casa automobilistica statunitense Jeep dal 2006; nel 2016 ne è stata presentata la seconda generazione.

Il conceptModifica

La vettura è stata anticipata da un concept, presentato nel 2002 al salone dell'automobile di Detroit. Da questa concept car il modello definitivo riprende molto i tratti distintivi maggiori, soprattutto la caratteristica linea di fiancata, con lo sbalzo netto verso il posteriore. Tuttavia la notevole sportività della linea e delle proporzioni del concept vengono un po' a perdersi nel modello definitivo, che è più sobrio e razionale.[1][2]

Prima generazione (dal 2006 al 2016)Modifica

Compass prima serie
 
Descrizione generale
Versioni SUV
Anni di produzione Dal 2006 al 2016
Euro NCAP (2012[3])  
NHTSA (2006[4][5])  
Dimensioni e pesi
Lunghezza 4404[6] mm
Larghezza 1760 mm
Altezza 1631 mm
Passo 2634 mm
Altro
Assemblaggio USA: Belvidere
Stessa famiglia tutte le vetture basate sulla Piattaforma GS/JS
 

La Compass è un SUV urbano dalle dimensioni compatte, la si può considerare come modello di attacco della gamma Jeep. Come la sorella Patriot, la Compass è basata sulla piattaforma JS, appositamente modificata per questo tipo di veicolo e denominata "MK". A differenza della tradizione del marchio, e in adattamento al mercato, la Compass abbandona le doti da fuoristrada a favore di un migliore comportamento dinamico in strada; questa scelta la rende un'automobile veloce (nella versione 2.0 Turbodiesel supera i 190 km/h), qualità accompagnata a una linea moderna e originale, rispetto alla tradizione Jeep.

La lineaModifica

La Compass si segnala per l'originalità stilistica, pur senza abbandonare i tratti stilistici storici del marchio americano, come la calandra a sette feritoie che firma le vetture Jeep da oltre cinquant'anni. Sul frontale spiccano i classici grossi fari rotondi, separati dagli indicatori di direzione, dalla forma più moderna, in contrasto con i gruppi ottici principali, che avvolgono il parafango e seguono inferiormente la linea spigolosa ed elaborata del paraurti.

La fiancata è sportiva, slanciata e dagli sbalzi di superficie netti; i larghi passaruota donano stabilità e solidità alla vettura. La sportività è sottolineata anche dall'assenza delle maniglie degli sportelli posteriori nascoste, come nelle Alfa Romeo 147, 156 e Giulietta, tutte vetture dall'impronta sportiva.

La parte posteriore appare possente e massiccia, con i fanali che allargano alla vista la carreggiata dell'auto, dando maggiore importanza al veicolo, le grandi dimensioni del volume posteriore non sono appesantite da un disegno elaborato, che invece rimane semplice e pulito.

Gli interniModifica

Gli interni rimandano allo stile avventuriero del marchio, ma evidenziano una finitura povera per la categoria, atta al contenimento dei costi e dei prezzi di listino; sono comunque abbastanza comodi e accoglienti anche per cinque passeggeri. Negli interni della vettura, razionali e pratici, vengono a mancare le note di sportività invece presenti sulla linea esterna del veicolo. La fattura e i materiali migliorano sensibilmente nel restyling 2011.

Restyling 2011Modifica

 
Restyling del 2011

Dopo il passaggio della Jeep nell'orbita aziendale della Fiat, dal mese di marzo del 2010 è presente sul mercato la versione aggiornata (e ridisegnata) della Compass.

 
Vista posteriore

Da tale momento viene venduta solamente con le motorizzazioni turbodiesel common rail 2.2 da 136 o 163 CV di origine Mercedes, che vanno a rimpiazzare il 2.0 iniettore-pompa di origine Volkswagen, questo, per rispettare le norme anti inquinamento Euro 5.

Le modifiche estetiche riguardano la carrozzeria, con un frontale influenzato dalla Jeep Grand Cherokee, e gli interni, ora più curati e rifiniti con materiali di qualità superiore.

In occasione del restyling, nel 2012 è stata sottoposta ai crash test dell'Euro NCAP ottenendo il risultato di 2 stelle[3].

MotorizzazioniModifica

Modello Disponibilità Motore Cilindrata
(cm³)
Potenza Coppia Massima
(Nm)
Emissioni CO2
(g/km)
0–100 km/h
(secondi)
Velocità max
(km/h)
Consumo medio
(km/l)
2.2 CRD 2WD dal 2011 Diesel 2143 100 kW (136 CV) 320 161 11,5 201 16,4
2.2 CRD dal 2011 Diesel 2143 120 kW (163 CV) 320 172 9,8 201 15,2

Seconda generazione (dal 2016)Modifica

Compass seconda serie
 
Descrizione generale
Versioni SUV
Anni di produzione Dal 2016
Euro NCAP (2017[7])  
NHTSA (2019[8])  
Dimensioni e pesi
Lunghezza 4420 mm
Larghezza 1820 mm
Altezza 1650 mm
Passo 2640 mm
Massa 1505-1935 kg
Altro
Assemblaggio Brasile: Goiana
Cina: Canton
India: Ranjangaon
Italia: Melfi
Messico: Toluca
Stessa famiglia Jeep Renegade
Fiat 500X
Fiat 500L
Fiat Toro
Auto simili Volkswagen Tiguan
Peugeot 3008
Citroën C5 Aircross
Ford Kuga
Nissan Qashqai
BMW X1
 

La seconda serie della Compass (nome in codice MP)[9] è stata presentata nel fine 2016 ed è stata posta in vendita dall’anno successivo; è costruita sul pianale Small US Wide condiviso con la Jeep Renegade,[10] di cui condivide la meccanica con un passo di 7 cm e una lunghezza totale di 15 cm in più.[11] Ha debuttato il 27 settembre 2016 in Brasile (dove viene prodotta inizialmente nello stabilimento FCA di Goiana, nello stato brasiliano di Pernambuco)[12] e al Los Angeles International Auto Show nel mese di novembre 2016[13], sostituendo contemporaneamente la Jeep Patriot e la Compass prima generazione.

Dopo l’avvio della produzione brasiliana la nuova serie inizia a essere prodotta anche in Messico nello stabilimento FCA di Toluca per essere esportata globalmente, mentre da metà 2017 parte la produzione anche degli esemplari con guida a destra prodotti esclusivamente nello stabilimento FCA India di Pune. In Cina la vettura viene assemblata per il mercato locale nella fabbrica di Canton tramite la joint venture tra FCA e GAC Motor.[14]

Nonostante le due automobili abbiano meccanica ed elettronica in comune, l'estetica si allontana da quella della Jeep Renegade, riprendendo lo stile della più grande Grand Cherokee, con una carrozzeria più morbida e rotonda. La calandra anteriore è caratterizzata dalle classiche 7 feritoie verticali del costruttore americano, che qui sono di dimensioni ridotte rispetto agli altri modelli della casa.

La Compass è disponibile in sei allestimenti: Sport, Longitude, Business, Night Eagle, Limited e la versione l'off road Trailhawk. Tutte le versioni sono disponibili con trazione anteriore o dotata di quattro ruote motrici, con l'eccezione della Trailhawk che è disponibile solo in configurazione 4WD.

Le motorizzazioni disponibili sono un 1,4 litri benzina Multiair Turbo da 140 CV (con cambio manuale e trazione anteriore) e 170 CV (con cambio automatico a 9 rapporti e trazione integrale) e due diesel 1,6 da 120 CV e 2,0 litri rispettivamente con 140 e 170 CV della famiglia Multijet II.[15] Nel 2017 è stata sottoposta nuovamente ai crash test dell'Euro NCAP, raggiungendo il risultato di 5 stelle[7].

Nel corso del 2018 ad agosto viene sostituito il M.Y. 2018 che era omologato secondo la normativa europea Euro 6B con Il M.Y. 2019 che viene omologato secondo la normativa europea Euro 6D-temp con l'aggiunta sui motori diesel del filtro di post trattamento dei gas di scarico SCR e l'aggiunta dell'additivo AD Blue, viene inoltre spostato lo scarico per fargli posto da destra a sinistra, inoltre vengono rivisti gli allestimenti rimanendo invariati nelle denominazioni con l'aggiunta di accessori nelle versioni minori.

Nel 2019 è stata presentata la versione "S" che offre cerchi da 19″ specifici Low Gloss Granite Crystal, pelle nera con impunture in tinta tungsteno e cornice della consolle centrale Gun Metal anodizzato.[16]

Nel maggio 2020 parte la produzione della Compass presso lo stabilimento SATA di Melfi; in Italia vengono prodotti tutti i modelli destinati ai mercati europei, e le versioni ibride plug-in 4xe che abbinano al 1.3 Turbo delle versioni a benzina un modulo elettrico che garantisce la trazione integrale e innalza la potenza a 190 o 240 CV in base alla versione. Complessivamente la Compass viene prodotta contemporaneamente in 5 stabilimenti: Italia (Melfi), Messico (Toluca) per il mercato nord americano, Brasile (Goiana) per il mercato sud americano, India (Pune) per il mercato locale e per tutti i mercati con guida a destra, Cina (Canton) per la Cina e il mercato sud-est asiatico.[17]

Restyling 2021Modifica

Verso la fine del 2020 viene svelata la nuova versione della Jeep Compass destinata al mercato cinese. Successivamente, nel gennaio 2021, in concomitanza con l'allestimento celebrativo 80th Anniversary, viene presentato il restyling della Jeep Compass per il mercato europeo.

All'esterno si notano nuovi paraurti sia anteriormente che posteriormente, nuovi fari più sottili con nuove luci diurne a LED di tre differenti tipi per la versione Longitude senza luce guida e con fanale a riflettore, per la versione Limited con luce guida e fanale a riflessione, per la S con luce guida e fanali a proiettore molto più efficienti dei fanalil delle altre versioni, e le feritoie della calandra ristilizzate che integrano i sensori dei nuovi ADAS. Gli interni accolgono un nuovo infotaiment da 10,1" pollici che adotta il nuovo sistema Uconnect 5, integrato nel nuovo cruscotto ridisegnato. In aggiunta è presente anche un nuovo volante squadrato, adottato anche dalla nuova Jeep Grand Cheerokee, e un nuovo cockpit digitale. La gamma motori è composta dal motore a benzina FireFly, un 1.3 Turbo da 130 disponibile solo con cambio manuale a 6 rapporti, 150 CV, disponibile con cambio automatico a doppia frizione a 6 rapporti (prodotto da FCA) e quella a gasolio Multijet 1.6 da 120 CV con cambio manuale a 6 rapporti e le versioni ibride plug-in 4xe, in versione 190cv e 240cv.

MotorizzazioniModifica

Modello Disponibilità Motore Cilindrata
(cm³)
Potenza Coppia max
(Nm)
Emissioni Co2
(g/km)
0–100 km/h
(secondi)
Velocità max
(km/h)
Consumo medio
(km/l)
1.4 MultiAir 2 2WD (Euro 6D-temp) dal 10/2018 al 06/2020 Benzina 1368 103 kw/140 CV 230 155 9,8 192 14,7
1.4 MultiAir 2 4WD (Euro 6D-Temp)

Automatico 9 Rapporti

Benzina 125 kw/170 CV 250 190 9,5 200 12,1
1.3 FireFly MultiAir 2 2WD

Cambio Manuale (Euro 6D-Final)

dal 06/2020 Benzina 1332 95 kw/130 CV 270 155 10,3 192 14,8
1.3 FireFly MultiAir 2 2WD

DDCT Cambio Automatico (Euro 6D-Final)

dal 06/2020 Benzina 110 kw /150 CV 155 9,1 199 14,8
1.6 MultiJet 2 2WD (Euro 6D-temp) dal 10/2018 Diesel 1598 88 kw/120 CV 320 128 11 185 20,9
1.6 MultiJet 2 2WD (Euro 6D-Final) dal 03/2021 1598 96 kw/130 CV 320 134 - 141 11 190 20,5
2.0 MultiJet 2 4WD (Euro 6D-temp)

Cambio manuale

dal 10/2018 al 06/2020 1956 103 kw/140CV 350 138 10,1 190 18,2
2.0 MultiJet 2 4WD (Euro 6D-temp)

Automatico 9 Rapporti

dal 10/2018 al 06/2020 350 146 9,9 190 16,1
2.0 MultiJet 2 4WD (Euro 6D-temp)

Automatico 9 Rapporti

dal 10/2018 al 06/2020 125 kw/170 CV 380 150 9,5 195 15,8
1.3 PHEV 4xe AT6 dal 06/2020 Ibrida 1332 140 kw/190 CV 270 44 7,9 184 52,6
1.3 PHEV 4xe AT6

(solo per gli allestimenti S e Trailhawk)

dal 06/2020 Ibrida 1332 176 kw/240 CV 270 48 7 200 47,6

NoteModifica

  1. ^ (EN) Jeep Compass 2002, su ultimatecarpage.com. URL consultato l'11 novembre 2012.
  2. ^ (EN) Jeep Compass concept, su motortrend.com. URL consultato l'11 novembre 2012.
  3. ^ a b Test Euro NCAP del 2012, su euroncap.com. URL consultato il 1º dicembre 2017.
  4. ^ data crash test NHTSA, su www-nrd.nhtsa.dot.gov. URL consultato l'11 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  5. ^ valutazione NHTSA: (frontale: 4/100x42=1,47 + laterale: 5/100x33= 1,65 + ribaltamento 4/100x25= 1) 1,68 + 1,65 + 1 = 4,12. 4 stelle
  6. ^ dati tecnici (PDF), su jeep-official.it. URL consultato l'11 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 19 aprile 2009). (documento .pdf)
  7. ^ a b Test Euro NCAP del 2017, su euroncap.com. URL consultato il 1º dicembre 2017.
  8. ^ (EN) Crash Test NHTSA: Jeep Compass AWD 2019, su nhtsa.gov. URL consultato il 19 aprile 2021.
  9. ^ (EN) 2017 Jeep Compass (MP) '2016–pr., su WheelsAge.org. URL consultato l'11 luglio 2017.
  10. ^ Jeep Compass, a chi darà fastidio?, in OmniAuto.it. URL consultato il 30 giugno 2017.
  11. ^ Il comfort c’è, il baule non tanto. URL consultato il 30 giugno 2017.
  12. ^ Jeep Compass, svelato il nuovo Suv medio. Inizia la produzione in Brasile, su LaStampa.it. URL consultato il 30 giugno 2017.
  13. ^ Nuova Jeep Compass, le prime impressioni da Los Angeles [VIDEO], in OmniAuto.it. URL consultato il 30 giugno 2017.
  14. ^ (EN) Jeep to Launch 2019 Compass in China Market, powered by 1.3T 4cyl Engine, su chinapev.com, 4 aprile 2019. URL consultato il 15 maggio 2020.
  15. ^ Bada più ai passeggeri che ai bagagli. URL consultato il 30 giugno 2017.
  16. ^ Jeep Compass S: SUV dall’anima sportiva, su quotidianomotori.com.
  17. ^ Al via l’ordinabilità della Jeep® Compass ‘made in Melfi’: ancora più tecnologica e connessa, su media.fcaemea.com, 14 maggio 2020. URL consultato il 15 maggio 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili