Joan Beaufort

Joan Beaufort
JoanBeaufortandJames.jpg
Giacomo I e Giovanna Beaufort
Regina di Scozia
In carica 2 febbraio 1424 –
21 febbraio 1437
Predecessore Annabella Drummond
Successore Maria di Gheldria
Nascita 1404 circa
Morte Castello di Dunbar, 15 luglio 1445
Dinastia Beaufort
Padre Giovanni Beaufort, I conte di Somerset
Madre Margaret Holland
Coniugi Giacomo I di Scozia
James Stewart
Figli Margherita Stewart
Isabella Stuart
Eleonora Stuart
Mary Stuart
Joan Stuart
Giacomo II di Scozia, Alexander Stuart
Annabella di Scozia
John Stewart
James Stewart, conte di Buchan
Andrew Stewart
Religione cattolica
Contea e ducato di Somerset
Beaufort
Arms of John Beaufort, 1st Earl of Somerset.svg

Giovanni
Henry
John
Figli
Edmund
Figli
Henry
Edmund
Modifica

Joan di Beaufort, in inglese Joan Beaufort, Queen of Scotland (1404 circa – Dunbar, 15 luglio 1445), fu regina consorte di Scozia dal 1424 al 1437.

BiografiaModifica

Joan era la figlia terzogenita Giovanni Beaufort, I Conte di Somerset, e di sua moglie, Margaret Holland[1]. Suoi nonni paterni furono Giovanni di Gand, duca di Lancaster e la terza moglie Katherine Swynford[2]. Suoi nonni materni furono Thomas Holland, II conte di Kent e Alice Fitzalan, figlia di Richard FitzAlan, X conte di Arundel e di Eleanor di Lancaster. Suo zio, Enrico Beaufort, era cardinale e cancelliere d'Inghilterra[2].

MatrimoniModifica

Primo MatrimonioModifica

Giacomo I incontrò Joan durante il suo periodo come prigioniero in Inghilterra, intorno al 1420[1]. Si dice che sia stata l'ispirazione per il famoso lungo poema di Giacomo I, The Kingis Quair, scritto durante prigionia, dopo averla vista dalla sua finestra sul giardino[3]. Il matrimonio era almeno in parte politico, poiché il loro matrimonio faceva parte dell'accordo per la sua liberazione dalla prigionia. Dal punto di vista inglese un'alleanza con i Beaufort doveva stabilire un'alleanza con gli inglesi, piuttosto che con i francesi[1].

Nella Cattedrale di Southwark[1][4], a Londra, il 2 febbraio 1424, Giovanna e Giacomo I si sposarono, divenendo regina consorte di Scozia. La reale coppia fu festeggiate a Winchester Palace palazzo dimora dello zio di Giovanna, Enrico Beaufort. Nel mese di maggio di quello stesso anno Giovanna fu incoronata regina. La coppia ebbe otto figli:

ReggenzaModifica

Il 21 febbraio 1437 suo marito venne assassinato. Anche Joan era stata oggetto di un attentato insieme a suo marito, ma riuscì a sopravvivere[1]. La prospettiva di essere governati da una donna inglese non piaceva agli scozzesi. Il Conte di Douglas fu così nominato al potere, sebbene Joan rimase la reggente di suo figlio.

Secondo MatrimonioModifica

Due anni dopo essere rimasta vedova, nel 1439, Joan si risposò con James Stewart, detto il cavaliere nero di Lorn, dopo aver ottenuto una dispensa papale. James era un alleato dell'ultimo Conte di Douglas, e tramò con lui per rovesciare Alexander Livingston, governatore del Castello di Stirling, durante la minoranza di Giacomo II. La coppia ebbe tre figli:

MorteModifica

Giovanna morì nel castello di Dunbar, il 15 luglio 1445 e fu tumulata nel Monastero della Certosa di Perth.

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f Brown
  2. ^ a b (EN) James I and Joan Beaufort: A Royal Love Story, in History... the interesting bits!, 31 marzo 2015. URL consultato il 30 marzo 2018.
  3. ^ Marshall,  pp. 49–50
  4. ^ Weir,  p. 232

BibliografiaModifica

  • Bernard L. Manning, "Inghilterra: Edoardo III e Riccardo II", cap. XIX, vol. VI (Declino dell'impero e del papato e sviluppo degli stati nazionali) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 718–783
  • K.B. Mc Farlane, "I re della casa di Lancaster, 1399-1461", cap. XIII, vol. VII (L'autunno del Medioevo e la nascita del mondo moderno) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 445–508.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN11750003 · LCCN (ENn2007000254 · WorldCat Identities (ENlccn-n2007000254