Joannes Busaeus

1547-1611

Joannes Busaeus, noto anche col nome latinizzato di Johannes Busius, in olandese Jan Buys, in francese Jean Busée (Nimega, 14 aprile 1547Magonza, 30 giugno 1611), è stato un teologo olandese attivo nei Paesi Bassi meridionali e in Germania. Scrisse in difesa dell'introduzione del calendario gregoriano in Germania e produsse la prima edizione a stampa del Liber Pontificalis.

Pro calendario Gregoriano disputatio apologetica, 1585

BiografiaModifica

Busaeus nacque a Nimega il 14 aprile 1547.[1] Entrò nella Compagnia di Gesù nel 1563. Fu studente presso l'Università di Mainz a Magonza dall'anno 1560 e una volta conseguita la laurea restò presso lo stesso ateneo continuando a insegnare teologia fino alla sua morte.[2] Oltre ad essere docente e prolifico scrittore di opere di natura teologica, fu anche editore di opere che riteneva fondamentali per il pensiero cattolico in Germania.

Morì a Magonza il 30 giugno 1611.

OpereModifica

Come autore scrisse:

  • (LA) Pro calendario Gregoriano disputatio apologetica, Mainz, Caspar Behem, 1585. (anche su Google Libri)
  • (LA) Rosarii hyperapistes, hoc est, Depulsio levissimarum cavillationum et nugarum, quibus calvinianae theologiae studiosus nescio quis apodixin theologicam ritu precandi rosarium B. Virg. Mariae, Würzburg, Henricus Aquensis, 1588 (su Google Libri).
  • (LA) Enchiridion piarum meditazioneum, Mainz, Balthasar Lipp, 1606 (su Google Libri).
    • (LA) Manuel contenant des dévotes méditations, Douai, Jean Bogard, 1612.
    • (DE) Den schadt der meditatien, tradotto da Cornelius Thielmans, Anversa, Willem Lesteens, 1628.
  • (LA) Παναριον, hoc est, Arca medica, Mainz, Johannes Albinus, 1608 (Su Google Libri).
  • (LA) Viridarium christianarum virtutum, Mainz, Johannes Albinus, 1610 (su Google Libri).
  • (LA) De Statibus hominum (Magonza, 1613). Pubblicato postumo. (Edizione Lione, 1614 su Google Libri).

Come editore finanziò:

NoteModifica

  1. ^ Joannes Busaeus (1547-1611), su data.bnf.fr.
  2. ^ John M. Frymire, The Primacy of the Postils, Leiden and Boston, 2010, p. 474.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN69033554 · ISNI (EN0000 0001 1069 1966 · LCCN (ENnr2003026200 · GND (DE100065198 · BNF (FRcb124942622 (data) · BNE (ESXX1509752 (data) · BAV (EN495/2115 · CERL cnp00084177 · WorldCat Identities (ENlccn-nr2003026200