Il 1611 (MDCXI in numeri romani) è un anno del XVII secolo.

1611 negli altri calendari
Calendario gregoriano 1611
Ab Urbe condita 2364 (MMCCCLXIV)
Calendario armeno 1059 — 1060
Calendario bengalese 1017 — 1018
Calendario berbero 2561
Calendario bizantino 7119 — 7120
Calendario buddhista 2155
Calendario cinese 4307 — 4308
Calendario copto 1327 — 1328
Calendario ebraico 5370 — 5371
Calendario etiopico 1603 — 1604
Calendario induista
Vikram Samvat
Shaka Samvat
Kali Yuga

1666 — 1667
1533 — 1534
4712 — 4713
Calendario islamico 1019 — 1020
Calendario persiano 989 — 990

Indice

EventiModifica

  • Marco Antonio de Dominis pubblica a Venezia il Tractatus de radiis visus et lucis in vitris, perspectivis et iride, in cui discute del cannocchiale e dà una spiegazione per il fenomeno dell'arcobaleno, adottata poi da Isaac Newton.
  • Anno in cui il filosofo rinascimentale Giulio Cesare Vanini partecipa, su incarico della Signoria, in qualità di "lettore", alle prediche quaresimali nella Basilica di San Marco, attirandosi i sospetti delle autorità religiose ed infine la condanna a rientrare al sud da parte dei suoi superiori.
  • Erzsébet Báthory, la più grande serial killer di tutti i tempi, viene condannata alla reclusione a vita.
  • Gustavo II Adolfo diventa re di Svezia.
  • Antonio Canopolo fonda una delle più longeve Istituzioni educative della Sardegna oggi evoluto in Convitto Nazionale Canopoleno.

NatiModifica

MortiModifica

CalendarioModifica

Altri progettiModifica