Apri il menu principale

Stile musicaleModifica

Considerato il più compiuto compositore visionario in America,[4] Serrie è autore di una musica spaziale elettronica dai forti richiami new age e ambient, composta tramite l'uso dei sintetizzatori e a volte accompagnata da ritmi.[1][3] A partire da And the Stars Go With You (1987) ha definito il suo stile che è spaziato dalle sonorità liriche di Flightpath (1989), a quelle mistiche di Tingri (1990) e a quelle più pop di Midsummer Century (1993).[3] Secondo Piero Scaruffi:[3]

«Serrie è uno dei "corrieri cosmici" che vogliono portare l'ascoltatore in una galassia lontana, ma senza fargli provare paura, facendolo anzi sentire a suo agio per tutta la durata del viaggio.»

DiscografiaModifica

Album solistiModifica

  • 1984 – Starmoods
  • 1987 – And The Stars Go With You
  • 1989 – Flightpath
  • 1990 – Tingri
  • 1992 – Planetary Chronicles Volume I
  • 1993 – Midsummer Century
  • 1994 – Planetary Chronicles, Volume II
  • 1995 – Ixlandia
  • 1997 – Upon A Midnight Clear
  • 1998 – Spirit Keepers
  • 1998 – Dream Journeys
  • 2001 – Lumia Nights
  • 2002 – Yuletides
  • 2003 – The Stargazer's Journey
  • 2004 – Merrily On High
  • 2005 – Epiphany - Meditations On Sacred Hymns
  • 2005 – Sunday Morning
  • 2009 – Thousand Star
  • 2014 – Day Star
  • 2017 – The Sentinel

CollaborazioniModifica

Con Dr. Jerry Alan JohnsonModifica

  • 1994 – Tai Chi Meditation, Vol. 1: Life Force Breathing
  • 1994 – Tai Chi Meditation, Vol. 2: Eight Direction Perception

Con Gary StroutsosModifica

  • 2000 – Hidden World
  • 2009 – Hidden World Beyond

Con Geodesium e Barry HayesModifica

  • 2015 – Celestial Rhythms: NYC Live '85

AntologieModifica

  • 2002 – Century Seasons: The Space Music Of Jonn Serrie
  • 2010 – Christmas Prayers

VideografiaModifica

  • 2002 – Star Chronicles

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) (nome), su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ Vangelis - Rosetta, su ondarock.it. URL consultato il 28 maggio 2017.
  3. ^ a b c d John Serrie, su scaruffi.com. URL consultato il 28 maggio 2017.
  4. ^ (EN) New World Music, su newworldmusic.us. URL consultato il 28 maggio 2017.

Collegamenti esterniModifica