José Régio

drammaturgo e poeta portoghese

José Régio, pseudonimo di José Maria dos Reis Pereira (Vila do Conde, 17 settembre 1901Vila do Conde, 22 dicembre 1969), è stato uno scrittore, poeta e drammaturgo portoghese.

Statua dedicata a José Régio a Vila do Conde

BiografiaModifica

La formazione accademica di José Régio avvenne all'Università di Coimbra, dove egli studio Filologia romanza.[1]

Nella stessa città di Coimbra, fu cofondatore della rivista modernista Presença (1927-1940), della quale fu anche codirettore, assieme a João Gaspar Simões, Branquinho da Fonseca e Adolfo Casais Monteiro. Tale iniziativa culturale presencista segna in modo indelebile il cosiddetto «secondo» modernismo portoghese, del quale Régio è uno dei protagonisti.[1]

Nel 1941, fu autore di una Piccola storia della letteratura portoghese moderna (Pequena história da moderna literatura portuguesa), uno studio sviluppato a partire dalla sua tesi di laurea, nella quale Régio aveva trattato autori a lui contemporanei, quali i protagonisti del «primo» modernismo portoghese, Fernando Pessoa e Mário de Sá-Carneiro.[2]

Fu autore di un'opera molto diversificata in termini tecnici e di genere: poeta, romanzista, drammaturgo, saggista, critico letterario, disegnatore e pittore.[2]

Fratello del pittore Júlio Maria dos Reis Pereira (conosciuto come Julio e Saúl Dias), José Régio non si sposò.

Rimasero celebri gli incontri informali e i dibattiti letterari ai quali partecipava presso il Café Central di Coimbra, con la generazione legata alla rivista Presença, i quali furono definiti da Gaspar Simões come «cenacolo dove Régio davvero pontificava» («cenáculo onde Régio realmente pontificava»).[3]

NoteModifica

  1. ^ a b José Régio: 1901-1969, su cvc.instituto-camoes.pt.
  2. ^ a b Eugénio Lisboa (2007), O Essencial sobre José Régio, 2ª ed., Lisboa, INCM, passim.
  3. ^ João Gaspar Simões (1977), José Régio e a História do Movimento da 'presença', [s. l.], [s. n.], p. 157.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN61568206 · ISNI (EN0000 0001 0907 0855 · Europeana agent/base/95659 · LCCN (ENn81114028 · GND (DE118788116 · BNF (FRcb12065970j (data) · CONOR.SI (SL97504611 · WorldCat Identities (ENlccn-n81114028