Apri il menu principale

Juan Bautista Plaza

BiografiaModifica

Iniziò gli studi in medicina all'Università Centrale del Venezuela ma, col tempo, partì per dedicarsi alla musica. La sua prima insegnante fu Jesus Maria Suárez. Studiò a Roma dal 1920 e 1923 e ottenne il titolo di professore di composizione sagrada (sacra). Dopo il suo ritorno in Venezuela, fu nominato maestro di cappella nella cattedrale di Caracas e ricoprì questo incarico fino al 1948. Nella scuola superiore di musica di Caracas insegnò storia della musica e apprezzamento per l'arte del compositore Antonio Lauro e per la cantante Morella Muñoz.

EreditàModifica

Le composizioni più importanti di Juan Bautista Plaza sono El picacho abrupto, Poema Sinfónico, Cantata de Navidad, Las campanas de Pascua, Las horas, La fuente abandonada,soprano y orquesta, Poema lírico Vigilia, Fuga criolla y Fuga romántica, Elegía para orquesta y timbal e Elegía para corno inglés and cuarteto de arcos. Ha anche scritto importante musica religiosa (ad esempio, Misa en fa, Misa de la esperanza, Requiem a la meoria de su madre) e musica per pianoforte (ad esempio, Sonatina venezolana, Cuatro ritmos de danza). La sua canzone popolare El Curruchá è un noto esempio di joropo.[1] Tra gli allievi di Plaza c'è Alba Quintanilla.[2]

La Biblioteca Nazionale del Venezuela, ha una stanza che porta il suo nome.

Voci correlateModifica

NoteModifica

  1. ^ Marie Elizabeth Labonville, Juan Bautista Plaza and Musical Nationalism in Venezuela, Indiana University Press, 12 luglio 2007, ISBN 978-0-253-11696-3. URL consultato il 10 aprile 2013.
  2. ^ Miguel Ficher, Martha Furman Schleifer e John M. Furman, Latin American Classical Composers: A Biographical Dictionary, Scarecrow Press, 16 ottobre 2002, pp. 17–, ISBN 978-1-4616-6911-1.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN22405947 · ISNI (EN0000 0000 8101 6389 · LCCN (ENn85213558 · GND (DE133550842 · BNF (FRcb14807050b (data) · WorldCat Identities (ENn85-213558