Apri il menu principale
Jules François Miot

Jules François Miot (Autun, 13 settembre 1809Saint-Maur-des-Fossés, 9 maggio 1883) è stato un politico francese. Repubblicano, deputato all'Assemblea Nazionale del 1849, fu una figura di spicco della Comune di Parigi.

BiografiaModifica

Figlio di un farmacista, Jules Miot aprì una farmacia a Moulins-Engilbert dove esercitò fino alla Rivoluzione del 1848, quando partecipò attivamente alla politica e venne eletto nel 1849 all'Assemblea legislativa. Oppositore del colpo di Stato del 2 dicembre 1851 di Luigi Bonaparte, fu deportato in Algeria.

Graziato nel 1860, fondò a Parigi il giornale Le Modéré e s'impegnò clandestinamente nell'opposizione anti-bonapartista. Fu per questo arrestato nel 1862 e condannato a tre anni di carcere. Trasferitosi a Londra, s'iscrisse alla Prima Internazionale.

Tornato a Parigi alla caduta dell'Impero, s'impegnò per la costituzione della Comune. Eletto il 26 marzo 1871 al Consiglio della Comune, fece parte della Commissione istruzione. Il 28 aprile ideò l'istituzione del Comitato di Salute pubblica per combattere i nemici interni ed esterni della Comune.

Dopo la Settimana di sangue e la caduta della Comune, sfuggì ai versagliesi rifugiandosi in Svizzera e venne condannato a morte in contumacia. Rientrò in Francia con l'amnistia del 1880, ritirandosi a vita privata. È sepolto a Parigi nel cimitero del Père Lachaise.

BibliografiaModifica

  • Bernard Noël, Dictionnaire de la Commune, II, Paris, Flammarion, 1978

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN301696961 · ISNI (EN0000 0001 1584 4749 · GND (DE141394226 · BNF (FRcb14427925b (data) · BAV ADV11022345 · CERL cnp01224950 · WorldCat Identities (EN301696961