Kult (gruppo musicale)

gruppo musicale polacco
Kult
Kult - concert in Warsaw.jpg
Paese d'originePolonia Polonia
GenerePunk rock
Rock
Rock alternativo
New wave
Rock psichedelico
Post-punk
Jazz
Hard rock
Periodo di attività musicale1982 – in attività
EtichettaS.P. Records
Sito ufficiale

I Kult sono un gruppo musicale rock polacco formato nel 1982 a Varsavia, originariamente composta da Kazik Staszewski (voce solista, sassofono), Piotr Wieteska (basso), Tadeusz Bagan (chitarra) e Dariusz Gierszewski (batteria). I primi lavori dei Kult furono fortemente influenzati da rock alternativo, rock progressivo e punk rock, così come dalla new wave britannica, ma la band incorporò gradualmente stili più diversi e innovativi nella loro musica. La musica della band è principalmente associata a testi "forti" di Staszewski e a una sezione di fiati particolare (sassofoni, corno).

Prima di formare la band, tutti i membri del quartetto originale avevano suonato insieme nei gruppi musicali Poland e Novelty Poland, entrambi guidati da Staszewski tra il 1979 e il 1981. Il primo concerto della nuova band nel luglio 1982 vendette solo 14 biglietti. Tuttavia, nel 1986 la band registrò il suo primo album Kult, pubblicato l'anno successivo, che attirò molta attenzione e includeva i primi successi di ispirazione punk Krew Boga, O Ani e Wspaniała nowina. Inizialmente l'ufficio della censura non consentì la pubblicazione di molte canzoni di Staszewski, chiaramente contro "il sistema".[senza fonte] Nel 1987 fu pubblicato il secondo album, "Posłuchaj to do Ciebie", lievemente psichedelico. Da allora la band ha guadagnato molta popolarità in Polonia, con canzoni come Do Ani, Arahja e Krew Boga che hanno raggiunto il primo posto nella classifica di Polskie Radio Program III.

Dopo il 1989 e la fine del regime comunista in Polonia, i Kult ottennero un grande successo, con una serie di album che portavano nuovi successi in cima alle classifiche radiofoniche. Generał Ferreira / Rząd oficjalny dall'album Your Eyes del 1991 ha raggiunto il numero 1 della classifica di Polskie Radio Program III ed è rimasto nella Top20 per 33 settimane consecutive. Dziewczyna bez zęba na przedzie, Komu bije dzwon, Gdy nie ma dzieci e Lewy czerwcowy (dall'album del 1998 Ostateczny krach systemu korporacji) hanno raggiunto il numero 1 e sono rimasti nella Top20 per 37, 38, 30 e 23 settimane, rispettivamente. Inoltre Gdy nie ma dzieci ha trascorso 9 settimane al n. 1, un record per la musica polacca, battuto solo da Syreny di Artur Rojek nel 2014.

Sebbene gli album post-2000 dei Kult abbiano goduto di meno popolarità, la band rimane uno dei gruppi musicali polacchi più noti. La band ha pubblicato un totale di 13 album in studio e due album dal vivo, inclusa la registrazione del 2010 di un concerto MTV Unplugged.

FormazioneModifica

Formazione originaria:

Dopo vari cambi di membri, la formazione nel 2008 era la seguente:

DiscografiaModifica

Album in studioModifica

  • 1987 – Kult (Polton, S.P. Records)
  • 1987 – Posłuchaj to do ciebie (Klub Płytowy Razem, S.P. Records)
  • 1987 – Spokojnie (Polton, S.P. Records)
  • 1989 – Kaseta (Polton, S.P. Records)
  • 1990 – 45-89 (Arston, Bogdan Studio, S.P. Records)
  • 1991 – Your Eyes (Zic Zac, S.P. Records)
  • 1993 – Tata Kazika (S.P. Records)
  • 1994 – Muj wydafca (S.P. Records)
  • 1996 – Tata 2 (S.P. Records)
  • 1998 – Ostateczny krach systemu korporacji (S.P. Records)
  • 2001 – Salon Recreativo (S.P. Records)
  • 2005 – Poligono Industrial (S.P. Records)
  • 2009 – HURRA! (S.P. Records)
  • 2013 – Prosto (S.P. Records)[1]
  • 2016 – Wstyd (S.P. Records)
  • 2016 – Wstyd. Suplement 2016 (S.P. Records)

Album liveModifica

  • 1989 - Tan (S.P. Records)
  • 2010 - MTV Unplugged Kult (S.P. Records)
  • 2017 - Made in Poland (S.P. Records)
  • 2017 - Made in Poland II (S.P. Records)

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN166135643 · WorldCat Identities (ENlccn-no2002087473