Apri il menu principale

La rosa rossa

romanzo scritto da Antonio Quarantotti Gambini
La rosa rossa
AutorePier Antonio Quarantotti Gambini
1ª ed. originale1937
Genereromanzo
Lingua originaleitaliano
AmbientazioneCapodistria, primi anni dopo la prima guerra mondiale
ProtagonistiPiero de Faralia e la moglie Ines; Paolo Balzeri, cugino di Piero, ex generale austriaco, a cui sempre ci si rivolge con il titolo di "conte"; la governante Basilia; la cameriera Rosa, il marchese Ubaldo Balzeroni, parente di Paolo

La rosa rossa è un romanzo di Antonio Quarantotti Gambini.

TramaModifica

La vicenda copre un arco temporale di alcuni anni, dall'immediato dopoguerra agli anni 1930, e riguarda i rapporti intercorsi tra i vari personaggi. In un microcosmo, in cui nulla accade e tutto sembra cristallizzarsi nel flusso dei ricordi che risucchiano il presente in un vuoto immoto, ogni piccolo gesto ed ogni cambiamento di tono di voce si dilatano come eventi capaci di turbare una precaria serenità. La rosa del titolo, filo conduttore del racconto, si presenta dapprima come un ricordo di tanti anni prima del conte Paolo, e poi riappare nella casa di cui è ospite, ed ogni volta lo trae in inganno circa la mano sconosciuta che l'ha depositata. Alcuni equivoci circa i passati rapporti dei personaggi si chiariscono infine, con lo sciogliersi di ogni ambiguità e di ogni tensione. E così, col trascorrere degli anni, il cerchio si chiude come si era aperto in quell'interno familiare: «I giorni somigliavano ai giorni, e le ore alle ore, e la loro vita era come una lunga giornata sul palchetto in camera gialla».

CommentoModifica

Nella lievità della narrazione si affronta il tema, importante per lo scrittore istriano, dei rapporti tra gli italiani divisi tra loro da diverse appartenenze che, in seguito, diverranno causa di altre divisioni e contrasti tra i veneto-giuliani.

CitazioneModifica

«Egli (Piero) temeva che il Balzeroni, volontario di guerra sul fronte italiano e uomo, come dicevano, intransigente, affrontasse in pubblico l'ex generale austriaco, per dargli del rinnegato e magari per buttarlo fuori del teatro» p. 55, edizione Einaudi 1972. Ma nel racconto ciò non accade, perché prevalgono i rapporti familiari di stima e di affetto di lunga data.

EdizioniModifica

  • Pier Antonio Quarantotti Gambini, La rosa rossa, Treves, Milano, I ed. 1937.
  • id., La rosa rossa, (edizione aumentata di 2 capitoli inediti), Garzanti, Milano, 1947.
  • id., La rosa rossa, Collana I Coralli n.113, Einaudi, Torino, 1960 - 1965.
  • id., La rosa rossa, Collana Gli Oscar settimanali n.113, Mondadori, Milano, 1967
  • id., La rosa rossa, Collana Nuovi Coralli n.39, Einaudi, Torino, I ed. 1972 - 1997, ISBN 978-88-06-34744-4.
  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura