Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'album di Iva Zanicchi, vedi Confessioni (album).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'opera di Agostino d'Ippona, vedi Confessioni.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il film di Roberto Andò, vedi Le confessioni (film).
Le confessioni
Titolo originaleLes Confessions
Rousseau in later life.jpg
Ritratto di Rousseau
AutoreJean-Jacques Rousseau
1ª ed. originale1782-1789
Generetrattato
Sottogenereautobiografico
Lingua originalefrancese

Le confessioni (o Confessioni) è il titolo di un'opera autobiografica di Jean-Jacques Rousseau. Oggi incluse negli Scritti autobiografici, uscirono a stampa solo postume (la prima parte nel 1782 e la seconda nel 1789). Esse raccontano i primi 53 anni di vita dell'autore in 12 libri.

La redazione delle Confessioni iniziò nel 1764; Rousseau ne redasse i primi otto libri a Wootton, dopo la rottura dell'amicizia con David Hume e ne continuò la scrittura durante il suo rientro a Parigi. Nel 1771, Louise d'Épinay, appoggiata da Denis Diderot, chiese alla polizia di far interrompere le letture pubbliche che Rousseau ne stava facendo.

La prima parte, con Preambolo e 6 capitoli, ricopre gli anni 1712-1740: sono gli anni di formazione, dalla nascita a Ginevra all'arrivo a Parigi, quando l'autore ha 28 anni. La seconda parte, dal capitolo 7 in poi, ricopre gli anni 1741-1765: la sua introduzione negli ambienti della capitale che si dedicano a musica e filosofia, con la pubblicazione delle opere e gli attacchi subiti dopo aver scritto Emilio o dell'educazione e la conseguente fuga in Svizzera.

Il titolo sicuramente si rifà alle Confessioni di Agostino d'Ippona (meglio noto come sant'Agostino), scritte in latino nel IV secolo.

Edizioni italianeModifica

Sono apprezzate in sede critica le traduzioni[senza fonte]:

  • di Giorgio Cesarano, Garzanti, Milano 1976;
  • di Valeria Sottile Scaduto, prima in Opere, a cura di Paolo Rossi (Sansoni, Firenze, 1972), poi ripresa da Mondadori (con introduzione di Andrea Calzolari, 1995);
  • di Michele Rago, con introduzione di Jean Guéhenno (Einaudi, 1978), ripresa in Scritti autobiografici, a cura di Lionello Sozzi (Einaudi-Gallimard, Torino, 1997);
  • di Felice Filippini con introduzione di Roberto Guiducci, Rizzoli, Milano 1996.

BibliografiaModifica

  • Paolo Casini, Introduzione a Rousseau, Laterza, Roma-Bari 1999.
  • Robert Wokler, Rousseau (1995), trad. Simona Ferlini, Il Mulino, Bologna 2001.
  • Jean Starobinski, La trasparenza e l'ostacolo (1971), trad. Rosanna Albertini, Il Mulino, Bologna 1982.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàBNF (FRcb12011871m (data)
  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura