Apri il menu principale

Legge 25 giugno 1865, n. 2359

La legge 25 giugno 1865, n. 2359 era una legge del regno d'Italia.

È stata abrogata dal Decreto del Presidente della Repubblica 8 giugno 2001, n. 327.

Indice

ContenutoModifica

Essa regolava la dichiarazione di pubblica utilità, individuando i soggetti interessati all'espropriazione nonché l'oggetto dell'espropriazione stessa. Definiva, inoltre, le procedure e i criteri di determinazione dell'indennità. L'espropriante è lo stesso esecutore dell'opera (lo stato), l'espropriato è solitamente un privato.

OggettoModifica

Oggetto di espropriazione può essere qualsiasi bene, immobile o mobile, materiale o immateriale, che risulti indispensabile alla realizzazione dell'opera di pubblica utilità.

ProcedimentoModifica

La procedura espropriativa individua due momenti significativi ai fini della determinazione dell'indennità: il momento della dichiarazione di pubblica utilità e il momento dell'esproprio.

Per quanto riguarda le indennità, la legge prevede i seguenti casi:

Voci correlateModifica