Apri il menu principale
Leo Graetz, dipinto da Franz von Stuck (1906).

Leo Graetz (Breslavia, 26 settembre 1856Monaco di Baviera, 12 novembre 1941) è stato un fisico tedesco.

Nacque a Breslavia, all'epoca Prussia e attualmente Polonia, figlio dello storico Heinrich Graetz.

Graetz fu uno dei primi ad investigare la propagazione della radiazione elettromagnetica. Il numero di Graetz ("Gz"), un numero adimensionale, descrive il flusso di trasferimento del calore per convezione. Porta il suo nome anche il "Ponte di Graetz", un circuito di raddrizzamento di una corrente alternata, costituito da quattro diodi, da lui inventato.

Nel 1880 confermò la legge di Stefan-Boltzmann.

Graetz morì a Monaco, a 85 anni d'età.

OpereModifica

  • Die Elektrizität und ihre Anwendungen (L'elettricità e le sue applicazioni), Stoccarda 1903
  • Handbuch der Elektrizität und des Magnetismus (Manuale di elettricità e magnetismo) - 5 volumi, 1918, 1921, 1923, 1920, 1928
  • Recent developments in atomic theory (Sviluppi recenti della teoria atomica), Stoccarda 1918
  • L. Graetz, C. Rossi, Introduzione alle teorie atomiche e alla costituzione della materia, Milano, Hoepli, 1932

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN112413155 · ISNI (EN0000 0001 1455 2912 · LCCN (ENn87101521 · GND (DE116813717 · BNF (FRcb13483153h (data)
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie