Apri il menu principale

Le librerie di spettri o librerie spettrali sono raccolte di spettri utilizzate in spettrometria e spettroscopia nell'analisi qualitativa. Aiutano nel riconoscimento di composti o miscele incognite tramite confronto, possono essere generiche o specifiche per una classe di sostanze. Il confronto viene effettuato da programmi specifici.

Le librerie si trovano in vendita o di libero accesso su internet o sono prodotte dai laboratori di analisi per uso interno.

Gli algoritmi per la ricerca dello spettro possono basarsi sul confronto tra spettri (ricerca d'identità)[1]: semplice confronto tra spettri per ricerca in banca dati (library search) o confronto tra spettri semplificati e indici di ritenzione [2] (nel caso di accoppiamenti con la cromatografia, tipicamente GC-MS) o sul confronto per somiglianza, un metodo più complesso.

Purezza, adattamento e retroadattamentoModifica

I parametri per quantificare l'aderenza dello spettro della sostanza incognita allo spettro della libreria sono:

  • Purezza (in lingua inglese purity): indice della somiglianza tra gli spettri.
  • Aderenza (in lingua inglese fit): indice di come lo spettro di riferimento è contenuto nello spettro incognito.
  • Retroaderenza (in lingua inglese retrofit): indice di come lo spettro incognito è contenuto nello spettro di riferimento.

NoteModifica

  1. ^ La ricerca in banca dati (library search) può essere diretta o rovescia.
  2. ^ Spesso gli algoritmi delle librerie spettrali per GC-MS tengono conto anche degli indici di ritenzione di Kovats.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia