Apri il menu principale
Lingue fur
Parlato inSudan
Ciad
Locutori
Totale800.000
Tassonomia
FilogenesiLingue nilo-sahariane
Codici di classificazione
ISO 639-3fvr (EN)
Glottologfurr1244 (EN)

Le lingue Fur costituiscono un piccolo gruppo della famiglia linguistica Nilo-Sahariana. Il gruppo è stato proposto per sistemare due lingue vicine all'interno della famiglia linguistica, ma non tutti i linguisti l'hanno accettato e quindi l'esistenza è controversa.

LingueModifica

Lingua furModifica

 
Zona in cui si parla il Fur (in arancione).

La lingua fur [Codice ISO 639-3: fvr] anche noto come Fur bèle fòòr o fòòraŋ bèle, in arabo فوراوي (Fûrâwî); a volte denominata Konjara dai linguisti, dal nome di un antico clan dominante, È la lingua del popolo Fur, parlata nel Sudan occidentale, da circa 744.000 persone (2004) su 900.000 che compongono l'etnia[1]. Vi sono gruppi di locutori (stimabili in un paio di migliaia di persone) anche in Ciad. La lingua viene scritta utilizzando l'alfabeto latino.

Lingua amdangModifica

 
Zona in cui si parla l'Amdang.

La lingua amdang [amj] o Biltine o Mimi o Mima (Endonimo: sìmí amdangtí), è la lingua della piccola etnia degli Amdang, circa 40.000 persone che vivono nella Regione di Wadi Fira, nel Ciad centro-orientale. La popolazione è completamente analfabeta, quindi la lingua non viene scritta.[2].

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • A. C. Beaton. A Grammar of the Fur Language. Linguistic Monograph Series, No. 1. Khartoum: Sudan Research Unit, Faculty of Arts, University of Khartoum 1968 (1937).
  • Angelika Jakobi, A Fur Grammar. Buske Verlag: Hamburg 1989.
  • Constance Kutsch-Lojenga & Christine Waag, "The Sounds and Tones of Fur", in Occasional Papers in the Study of Sudanese Languages No. 9. Entebbe: SIL-Sudan 2004.
  • Georgianna Noel, An Examination of the Tone System of Fur and its Function in Grammar, University of Texas at Arlington, 2008.
  • Paul Doornbos & M. Lionel Bender. 1983. "Languages of Wadai-Darfur", in ed. M. Lionel Bender, Nilo-Saharan Language Studies, African Studies Center, Michigan State University
  • Joseph Greenberg. 1972. "On the identity of Jungraithmayr's Mimi", Africana Marburgensia 5.2: 45-49. Mouton, The Hague.
  • H. Jungraithmayr. 1971. "How many Mimi Languages are there?", Africana Marburgensia 4.2: 62-69.
  • A. N. Tucker and M. A. Bryan. 1956. The Non-Bantu Languages of North-Eastern Africa. International African Institute, Oxford University Press.
  • H. MacMichael. 1967 (1922). A History of the Arabs in the Sudan. Barnes and Noble, New York.
  • H. Carbou. 1912. La Région du Tchad et du Ouadai. Leroux, Paris.
  • M. Gaudefroy-Demombynes. 1907. Documents sur Les Langues de l'Oubangui–Chari, Actes du XIVe Congres des Orientalistes (Alger 1905). Paris.

Collegamenti esterniModifica