Apri il menu principale

Live Bait for the Dead

album dei Cradle of Filth del 2002
Live Bait for the Dead
ArtistaCradle of Filth
Tipo albumLive
Pubblicazione19 agosto 2002
Durata74:54 / 44:49
Dischi2
Tracce13 / 8
GenereSymphonic black metal
EtichettaAbraCadaver / Snapper
Cradle of Filth - cronologia
Album successivo
(2003)

Live Bait for the Dead è un album dal vivo del gruppo musicale britannico Cradle of Filth, pubblicato il 19 agosto 2002 dalla AbraCadaver.

Il primo disco contiene la registrazione del concerto eseguito a Nottingham il 14 aprile 2001.

Lo stesso concerto, intitolato Eleven Burial Masses, è visibile nel DVD Heavy, Left-Handed & Candid uscito l'anno prima.

Nel secondo disco sono stati invece inseriti: vari remix, demo e la cover di un brano dei Twisted Sister.

Eleven Burial MassesModifica

Nel 2007 è uscita, per la Peaceville Records, un'edizione intitolata Eleven Burial Masses in cui è possibile sia ascoltare che vedere il concerto.

Difatti, comprende il CD1 di Live Bait for the Dead e la sezione Eleven Burial Masses, appunto, del DVD Heavy, Left-Handed & Candid.

TracceModifica

CD1Modifica

  1. The Ceremony Opens (Intro) 02:45
  2. Lord Abortion 06:34
  3. Ebony Dressed for Sunset 02:55
  4. The Forest Whispers My Name 04:56
  5. Cthulhu Dawn 04:31
  6. Dusk and Her Embrace 06:24
  7. The Principle of Evil Made Flesh 05:43
  8. Cruelty Brought Thee Orchids 07:55
  9. Her Ghost in the Fog 07:33
  10. Summer Dying Fast 05:44
  11. Creatures That Kissed in Cold Mirrors (Interlude) 03:56
  12. From the Cradle to Enslave 06:00
  13. Queen of Winter, Throned 10:04

CD2Modifica

  1. Born in a Burial Gown (The Polished Coffin Mix) 05:18
  2. No Time to Cry (Sisters of No Mercy Mix) 04:20
  3. Funeral in Carpathia (Soundcheck Recording) 08:23
  4. Deleted Scenes of a Snuff Princess 05:38
  5. Scorched Earth Erotica (Original Demo Version) 04:57
  6. Nocturnal Supremacy (Soundcheck Recording) 06:03
  7. From the Cradle to Enslave (Under Martian Rule Mix) 06:05
  8. The Fire Still Burns (Twisted Sister cover) 04:08

FormazioneModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metal