Apri il menu principale

Lucio Elio Stilone Preconino

scrittore e grammatico romano

Lucio Elio Preconino, conosciuto come Stilone (Lucius Aelius Stilo Praeconinus; Lanuvio, 154 a.C.74 a.C.), è stato uno scrittore e grammatico romano.

BiografiaModifica

Nato a Lanuvio [1], Stilone visse a cavallo tra il II ed il I secolo a.C., da famiglia appartenente al ceto degli equites.

Legato politicamente a Quinto Cecilio Metello, lo accompagnò in esilio a Rodi, nel 100 a.C. Quivi ebbe modo di approfondire le conoscenze relative all'analogia nella linguistica, che poi diffuse alcuni anni più tardi al suo ritorno a Roma. Infatti fu il maestro di Marco Terenzio Varrone, dal quale è spesso menzionato, e di Marco Tullio Cicerone, che lo definisce, probabilmente riferendosi all'esilio a Rodi, di tendenze stoicheggianti [2].

OpereModifica

Stilone mise insieme, a quanto risulta, i metodi filologici della scuola di Alessandria e di Pergamo. Scrisse molte opere di filologia e linguistica, di cui però non possediamo nulla se non pochi frammentiː tra queste ci fu anche un Commentarium de proloquiis, in cui affrontava il problema dell'autenticità delle commedie plautine; inoltre, avrebbe commentato il Carmen Saliare e le Leggi delle Dodici Tavole dal punto di vista linguistico.

NoteModifica

  1. ^ Svetonio, De grammaticis, 3.
  2. ^ Brutus, 205-207.

BibliografiaModifica

  • Jan Adolf Karel van Heusde, Dissertatio de Aelio Stilone, Ciceronis in Rhetoricis magistro, Rhetoricorum ad Herennium, ut videtur auctore, Treviri, s.e., 1839.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN101084055 · ISNI (EN0000 0000 7235 8117 · LCCN (ENnr95028429 · GND (DE118798898 · CERL cnp00589348 · WorldCat Identities (ENnr95-028429