Apri il menu principale
Malleolo
Gray357.png
Sezione frontale della caviglia, che mostra le strutture ossee coinvolte nella formazione dei malleoli.
Gray1239.png
Arto inferiore. I malleoli mediale e laterale sono indicati in basso.
Anatomia del Gray(EN) Pagina 5
Nome latinomalleoli
Identificatori
TAA02.5.06.020 e A02.5.07.014

Il malleolo è una parte dell'articolazione della caviglia.

Ogni gamba è sostenuta da due ossa, la tibia sul lato interno (mediale) e il perone sul lato esterno (laterale). Il malleolo mediale è la prominenza sul lato interno della caviglia, formato dall'estremità inferiore della tibia. Il malleolo laterale è la prominenza sul lato esterno della caviglia, formato dall'estremità inferiore del perone.

La parola malleolo, plurale malleoli, proviene dal latino e significa "piccolo martello".

AnatomiaModifica

In una caviglia sono presenti tre malleoli:

  • Malleolo mediale: la parte interna della tibia.
  • Malleolo posteriore: la parte posteriore della tibia.
  • Malleolo laterale: la parte finale del perone.

Il termine deriva dal latino malleŏlus, diminutivo di malleus ossia martello.[1]

Malleolo medialeModifica

Il malleolo mediale si trova all'estremità della tibia. La superficie mediale dell'estremità inferiore della tibia è prolungata verso il basso per formare un processo piramidale, appiattito dall'esternoː il malleolo mediale.

  • La superficie mediale di questo processo è convessa e sottocutanea.
  • La superficie laterale o articolare è liscia e leggermente concava e si articola con l'astragalo.
  • Il bordo anteriore è ruvido a causa delle fibre anteriori del legamento deltoide che si fissano all'articolazione della caviglia.
  • Il bordo posteriore presenta un ampio solco, il solco malleolare, diretto obliquamente verso il basso e medialmente, e occasionalmente doppio; questo solco ospita i tendini dell muscolo tibiale posteriore e del muscolo flessore lungo delle dita.
  • La sommità del malleolo mediale è caratterizzata da una profonda depressione posteriore, dovuta alla presenza del legamento deltoide.

La struttura principale che passa davanti al malleao mediale è la vena safena. Altre strutture che passano dietro il malleolo mediale in profondità rispetto al retinacolo dei flessori:

Malleolo lateraleModifica

Il malleolo laterale si trova all'estremità del perone, è di forma piramidale, leggermente appiattito da un lato; scende sotto al malleolo mediale.

  • La superficie mediale ha una superficie triangolare liscia, convessa dall'alto verso il basso, che si articola sul laterale dell'astragalo. Dietro e al di sotto della superficie articolare c'è una depressione ruvida, dove si attacca il legamento talofibulare posteriore .
  • La superficie laterale è convessa, sottocutanea e continua con la superficie triangolare.
  • Il margine anteriore è spesso e ruvido, segnato in basso da una depressione utile al fissaggio del legamento talofibulare anteriore.
  • Il margine posteriore è ampio e presenta il solco malleolare, utile per il passaggio del muscolo peroneo breve e lungo.
  • La sommità è arrotondata, qui si attacca il legamento calcaneofibulare.

Una struttura importante che si trova tra il malleolo laterale e il tendine di Achille è il nervo surale.

PatologiaModifica

FrattureModifica

Una frattura bimallare è una frattura della caviglia che coinvolge il malleolo laterale e il malleolo mediale. Alcuni studi hanno dimostrato che le fratture bimallulari sono più comuni nelle donne, nelle persone di età superiore a 60 anni e nei pazienti con comorbilità esistenti.[2] Una frattura trimalleolare è una frattura della caviglia che coinvolge il malleolo laterale, il malleolo mediale e la parte posteriore distale della tibia, che può essere definita malleolo posteriore. Il trauma può essere accompagnato da danni ai legamenti e dislocazione.[3]

NoteModifica

  1. ^ malleolo, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
  2. ^ Nirmal C. Tejwani, Are Outcomes of Bimalleolar Fractures Poorer Than Those of Lateral Malleolar Fractures with Medial Ligamentous Injury?, in The Journal of Bone and Joint Surgery (American), vol. 89, nº 7, 1º luglio 2007, pp. 1438, DOI:10.2106/jbjs.f.01006. URL consultato il 29 ottobre 2018.
  3. ^ Ankle Fractures (Broken Ankle) - OrthoInfo - AAOS. URL consultato il 29 ottobre 2018.

BibliografiaModifica

  • Giuseppe Anastasi, Giuseppe Balboni, Pietro Motta, et al., Trattato di anatomia umana, Napoli, Edi. Ermes, 2006, ISBN 88-7051-285-1.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàGND (DE4134501-0