Management culturale

Il management culturale è il complesso delle funzioni amministrative, direttive e gestionali di imprese ed organizzazioni, pubbliche o private, nel settore della cultura e delle industrie creative.[1][2]

DefinizioneModifica

Il management culturale è l'applicazione di conoscenze, strumenti e tecniche all’insieme delle attività di gestione e controllo di organizzazioni ed imprese culturali, quali fondazioni, associazioni, aziende e società.[3]

Il manager culturaleModifica

Il manager culturale è la figura professionale in grado di gestire processi organizzativi, aspetti economici, finanziari e giuridici, agendo all'interno di una dimensione artistica, creativa ed intellettuale.[4]

Ambiti ed organizzazioniModifica

Il manager culturale può essere attivo nei settori delle arti performative, della musica, del teatro, del cinema, dei beni culturali ed operare all'interno di teatri, sale da concerto, centri culturali, musei, siti e parchi archeologici, circoli culturali.[5]

Può curare inoltre la gestione e l’organizzazione di festival, rassegne, eventi ed iniziative a carattere artistico-culturale.

Il manager culturale può essere operativo anche all’interno di amministrazioni locali ed istituzioni nazionali, quali ad esempio commissioni, assessorati e ministeri, così come di organizzazioni internazionali, quali la Commissione Europea e l’UNESCO.

Per alcuni ambiti professionali specifici, si può utilizzare una definizione più circoscritta come, ad esempio, management dei beni culturali[1] e management musicale.

NoteModifica

  1. ^ a b Management e Beni culturali, su Treccani. URL consultato il 20 febbraio 2022.
  2. ^ La formazione al management culturale, su Il giornale delle fondazioni. URL consultato il 20 febbraio 2022.
  3. ^ Il ruolo del manager culturale ricordando Paolo Grassi, su La Repubblica. URL consultato il 20 febbraio 2022.
  4. ^ Le nuove frontiere dei manager culturali, su La Repubblica. URL consultato il 20 febbraio 2022.
  5. ^ Il management culturale (che non c’è), su Artibrune. URL consultato il 20 febbraio 2022.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica