Marc Newson

designer australiano

Marc Andrew Newson (Sydney, 1963) è un designer australiano, uno dei più importanti al mondo nell’ambito del design industriale[1]. Si è occupato soprattutto di interni e di oggetti per la casa (in particolare, sedie[2]); sue opere sono conservate al Museum of Modern Art di New York e al Centro Pompidou di Parigi[3].

Marc Newson

CarrieraModifica

Nel 1986 organizza una mostra alla Roslyn Oxley Gallery di Sydney, dove esibisce la sua prima realizzazione, la sedia Lockheed Lounge creata per apparire come la modellazione di un enorme goccia di mercurio. Seguiranno diverse creazioni fra cui le sedie Felt Chair e Orgone Lounge, la Super Guppy (nome di un piccolo pesce colorato sud-americano) Light, e il tavolo Black Hole (letteralmente "buco nero").[4]

I suoi pezzi di design rimangono molto ricercati sul mercato secondario e nel 2010 rappresentavano il 24% delle vendite totali all'asta nella categoria di Sotheby's , Christie's e Phillips .

Marc è l'unico designer industriale rappresentato dalla Gagosian Gallery e insieme a Frank Gehry forma i "Masters of Design" della galleria. I principali musei di tutto il mondo hanno ospitato mostre personali retrospettive del suo lavoro.

Inoltre, il suo lavoro è presentato nelle collezioni permanenti di molti importanti musei tra cui: The Museum of Modern Art (MoMA) e Cooper Hewitt, Smithsonian Design Museum di New York, San Francisco Museum of Modern Art , il Design Museum (Londra), V&A Museum (Londra), Musée National d'Art Moderne, Centre Pompidou (Parigi), Musée des Arts Décoratifs (Parigi), Vitra Design Museum (Weil am Rhein), Museum of Applied Arts (Francoforte), Museum of Arts and Crafts Hamburg , MUDE - Museu do Design e da Moda (Lisbona) , Museo di Israele(Gerusalemme), Powerhouse Museum (Sydney) e la National Gallery of Victoria (Melbourne). È stato anche nominato presidente dell'International Design Council del London Design Museum .

In qualità di sostenitore a lungo termine e in corso dell'ente di beneficenza (RED) , Marc ha co-curato con Sir Jonathan Ive un'asta di design nel 2013 che ha raccolto l'incredibile cifra di 46 milioni di dollari (USD) per il Fondo globale per la lotta all'AIDS, la tubercolosi e Malaria .

Marc Newson è stato incluso nelle 100 persone più influenti della rivista TIME e ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti. Ha conseguito un dottorato onorario presso la Sydney University , Adjunct Professorships presso la Sydney University e la Hong Kong Polytechnic University , ed è stato nominato RDI (Royal Designer for Industry) dalla Royal Society of Arts . Nel 2012 è stato insignito del premio CBE (Comandante dell'Ordine più eccellente dell'Impero Britannico) da Sua Maestà la Regina Elisabetta II.

Il lavoro di Newson è stato descritto in innumerevoli libri e pubblicazioni e ad oggi ci sono tre monografie tra cui l'enciclopedica "Marc Newson Works" pubblicata da Taschen (2012). È stato oggetto di vari programmi radiofonici e televisivi, tra cui un'intervista alla PBS su Charlie Rose (2010), Imagine 'Marc Newson Urban Spaceman' della BBC (2008), Objects of Desire su Sky Arts e 'Objectified', un film documentario di Gary Hustwit.

 
Embryo (1988) Powerhouse Museum, Sydney

OnorificenzeModifica

  Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico
— 31 dicembre 2011[5]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Michelle Hespe, Industrial Design: Conceptual Careers in the Making, Career FAQs, 2007, pp. 31; 34. URL consultato il 6 febbraio 2022 (archiviato il 6 febbraio 2022).; Aurora Cuito, Ana Cristina G. Cañizares, 2004
  2. ^ Nicoletta Sala, Massimo Sala, 2005
  3. ^ Christian Datz, Christof Kullmann, 2006; Domus, Edizione 867
  4. ^ Marc Newson - designer (1963) - Designer - designindex, su designindex.it. URL consultato l'8 aprile 2022.
  5. ^ (EN) The London Gazette (PDF), n. 60009, 31 dicembre 2011, p. 24.

BibliografiaModifica

  • Alice Rawsthorn, Marc Newson, London, Booth-Clibborn Editions, 1999
  • D. Scodeller, Auto-mobili. Marc Newson, Ford 021C, "CASABELLA" 687, (2001)
  • Conway Lloyd Morgan, Marc Newson , London, Thames & Hudson, 2002 (Trad. it. Milano, Rizzoli-Skira, 2002)
  • Marc Newson's K40: welcome to the jet age, "Domus" 867, 2004, pp. 76–89
  • Groninger Museum, Marc Newson: pop on pop off, Amsterdam-New York, D.A.P., 2004
  • Kelvin 40 by Marc Newson, publié à l'occasion de l'exposition Marc Newson, Kelvin 40 présentée à la fondation Cartier pour l'art contemporain à Paris du 24 janvier au 2 mai 2004, Arles, Actes sud, 2004
  • Cinzia Ferrara, Marc Newson. Design tra organicità e fantascienza, Milano, Lupetti, 2005. ISBN 888391127X
  • Marc Newson: 25 January-3 March 2007, New York, Gagosian Gallery, 2007.
  • Jean Bond Rafferty, Ten Questions: Marc Newson - The Australian phenom, who creates objects as disparate as spacecraft and dish drainers, assesses the design art movement, "Metropolitan home" 40 (2008)
  • Fabrice Paineau, Marc Newson, "L'Uomo Vogue" 390, (2008)
  • Fabia Di Drusco, The experimental view of Marc Newson, "L'Uomo Vogue" 400, (2009)
  • Charlotte Fiell, Peter Fiell, Designing the 21st century, Colonia, Taschen, 2010, pp. 350 pp., ISBN 978-3-8228-4803-6.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN96632262 · ISNI (EN0000 0000 8402 8000 · ULAN (EN500128498 · LCCN (ENno00051539 · GND (DE122189922 · BNF (FRcb13621245s (data) · J9U (ENHE987007509734605171 · WorldCat Identities (ENlccn-no00051539