Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Marja" rimanda qui. Se stai cercando il nome proprio di persona femminile, vedi Maria (nome).

La figura del marjaʿ (italiano: fonte di imitazione per il fedele, a volte traslitterato anche come marja'a) è centrale nello sciismo, rappresentando l'Imam Atteso (al-Mahdi), l'Imam nascosto che un giorno ritornerà per salvare l'umanità. I marja' sono anche al centro di una malcelata rivalità tra le città sante di Najaf in Iraq e Qom in Iran.

Secondo l'Hojjatoleslam Mahdi Hassan Zadeh, direttore dell'Assemblea mondiale Aalulbayt,[1] che si dedica alla diffusione della cultura sciita nel mondo, Najaf era una volta la località in assoluto più importante

«perché poteva contare su un maggior numero di marjaʿ. Con la repressione di Saddam Hussein molti di loro si trasferirono a Qom e ora risiedono principalmente lì. Gli Imam predicano nei loro libri che anche il centro della [fede sciita] dovrebbe trasferirsi a Qom.»

(Sistani, Qom: In the wired heart of Shi'ism su Atimes.com del 31 agosto 2005)

Sono considerati marjaʿ i giuristi religiosi più autorevoli, tra i quali in ogni epoca emerge un marjaʿ supremo. Quello attuale è l'Ayatollah Ali Khamenei. Prima di lui era l'Ayatollah Khomeini.
L'elenco di costoro risale fino al VII secolo.

NoteModifica

  1. ^ Ahl al-Bayt, "Gente del casato (di Maometto)").

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica