Apri il menu principale

Matteo Ponzone

pittore italiano

Matteo Ponzone, chiamato anche Matteo Ponzoni (in croato si adotta anche la traduzione del nome Matej o Mate Pončun o ancora una sorta di doppio cognome Matej Ponzoni Pončun), (Venezia, 9 novembre 1583Venezia, post 1663), è stato un pittore italiano attivo nel XVII secolo nei territori della Repubblica di Venezia.

VitaModifica

 
Basilica di San Giorgio Maggiore a Venezia

Fino al ritrovamento del suo atto battesimale[1], si riteneva che Matteo Ponzone fosse nato ad Arbe, capoluogo dell'omonima isola all'estremo nord della Dalmazia, all'epoca possedimento veneziano. Matteo Ponzone nacque invece a Venezia ed qui operò prevalentemente, salvo un periodo intermedio di una decina d'anni in cui si spostò in Dalmazia, lasciando proprie opere in alcune località della costa[2].

Allievo di Jacopo Palma il Giovane e legato al pittore Sante Peranda, che fu probabilmente uno dei suoi maestri e il cui influsso nell'opera di Ponzone appare evidente, fu iscritto alla Fraglia dei Pittori di Venezia dal 1613 al 1633, essendo uno dei più attivi in città lungo tutto questo periodo. Nella sua bottega ebbe come allievi Antonio Zanchi, Andrea Celesti e Pietro Negri, che lo coadiuvarono nelle varie commesse dell'ultimo periodo veneziano.

La cospicua mole di opere rimaste in situ ne definiscono adeguatamente l'importanza per la storia della pittura del primo '600 veneziano, pur se tale importanza è stata rilevata solo in anni recenti[3]. Allo stesso modo, la caratura delle commesse ricevute - fra le quali particolarmente importanti quelle delle chiese di San Giorgio Maggiore, Madonna dell'Orto e San Cassiano - fanno intendere quale fosse l'elevato grado di successo che Ponzone riscosse in vita.

Principali opereModifica

In DalmaziaModifica

  • Ciclo di San Doimo nella cattedrale di Spalato. L'opera fu iniziata nel 1639 dal Ponzone, ma non portata a termine.
  • Storie dell'Eucaristia (otto tele), Santi Girolamo, Francesco e Caterina, sempre nella cattedrale di Spalato.
  • Ritratto di San Lorenzo Giustiniani ancora a Spalato.
  • Attribuiti a Ponzone sono i ventuno dipinti del soffitto della chiesa di San Francesco a Sebenico, come pure altri quadri di Santi.
  • L'ultima cena nel refettorio del convento francescano di Lesina.

Negli altri territori della SerenissimaModifica

A VeneziaModifica

 
Flagellazione di Gesù Madonna dell'Orto
  • Nella chiesa della Madonna dell'Orto: una serie di ritratti di santi, il San Giorgio che uccide il drago fra i santi Girolamo e Trifone[4], la Flagellazione di Gesù.
  • A San Giorgio Maggiore: San Giorgio che uccide il drago.
  • A San Cassiano: Cristo in croce e quattro Santi.
  • A San Martino: San Giovanni che scrive l'Apocalisse. Considerato uno dei suoi capolavori, è di chiara ispirazione tintorettiana.

NoteModifica

  1. ^ Mathio et Simon fiol di missier Claudio Bolzon et Madonna Agnesina Negro iguali, nato in parrocchia di San Moisè il 9 novembre 1583. Così Lino Moretti, Nuovi documenti sul Ponzone e sul Forabosco, in Arte Veneta, XL, Milano 1986.
  2. ^ Secondo il Moretti (op. cit.), il Ponzone ricevette una serie di commesse in Dalmazia anche grazie al fatto che suo fratello Sforza fu arcivescovo di Spalato dal 1616 al 1640.
  3. ^ Si veda in tal senso Rodolfo Pallucchini, La pittura veneziana del Seicento, Mondadori, Milano 1981.
  4. ^ Significativa iconografia tipicamente dalmata.

BibliografiaModifica

  • Kruno Prijatelj, Le opere di Matteo Ponzone in Dalmazia, in Arte Veneta, XX, 1966, pp. 153–154.
  • Luciano Rota, Matteo e Sforza Ponzone, in Francesco Semi-Vanni Tacconi (cur.), Istria e Dalmazia, Uomini e Tempi. Dalmazia, Del Bianco, Udine 1992

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN293418241 · ISNI (EN0000 0001 1690 4395 · LCCN (ENnr2006003875 · ULAN (EN500016538 · WorldCat Identities (ENnr2006-003875