Megachile pluto

specie di animale della famiglia Megachilidae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Megachile pluto
Stavenn Megachile pluto.jpg
Megachile pluto
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Hymenopteroidea
Ordine Hymenoptera
Sottordine Apocrita
Sezione Aculeata
Superfamiglia Apoidea
Famiglia Megachilidae
Sottofamiglia Megachilinae
Genere Megachile
Sottogenere Chalicodoma
Specie M. pluto
Nomenclatura binomiale
Megachile pluto
B. Smith ex Wallace, 1869
Sinonimi

Chalicodoma pluto

Megachile pluto B.Smith ex Wallace, 1869 è un'ape indonesiana della famiglia Megachilidae.

DescrizioneModifica

Megachile pluto è considerata l'ape più grande del mondo, tanto da essere chiamata ape gigante di Wallace: le femmine possono essere lunghe fino a 39 mm, con un'apertura alare di 63 mm. I maschi crescono solo fino a 23 mm.[senza fonte]

BiologiaModifica

È una tagliatrice di foglie che utilizza la resina per creare i compartimenti del proprio nido. Queste api costruiscono i loro nidi all'interno di termitai attivi, il che spiega perché persino gli abitanti dell'isola non fossero a conoscenza della loro esistenza. Questa caratteristica l'ha resa nota anche come ape muratrice.

Distribuzione e habitatModifica

La prima scoperta di Megachile pluto avvenne in Indonesia nel 1858 da parte del naturalista Alfred Russel Wallace. La si ritenne successivamente estinta finché non fu "riscoperta" nel 1981 dall'entomologo americano Adam C. Messer, che trovò sei nidi nell'isola di Bacan e altre limitrofe.

Nel gennaio del 2019, a distanza di 38 anni dall'ultimo avvistamento ufficiale, un team di ricercatori guidato da Clay Bolt ed Eli Wyman e finanziato dal Global Wildlife Conservation, è riuscito a filmarne - su un'isola indonesiana delle Molucche del Nord - un esemplare femmina che aveva nidificato all'interno di un termitaio.[2]

NoteModifica

  1. ^ (EN) World Conservation Monitoring Centre 1996, Megachile pluto, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020.
  2. ^ Douglas Main, L’ape più grande del mondo non è estinta come si pensava, su nationalgeographic.it, 25 febbraio 2019. URL consultato il 26 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2019).

BibliografiaModifica

  • Messer, A. C. 1984. Chalicodoma pluto: the world's largest bee rediscovered living communally in termite nests (Hymenoptera: Megachilidae). J. Kans. Entomol. Soc. 57: 165-168.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi