Membrana di Descemet

Membrana di Descemet
Vertical section human cornea-Gray871.png
Sezione verticale della cornea umana.
Anatomia del Gray(EN) Pagina 1008
Identificatori
TAA15.2.02.021
FMA58309

La membrana di Descemet è una membrana basale, a livello della cornea, simile alla membrana di Bowman, è anch'essa acellulare perché composta solo da fibre collagene che le forniscono elasticità.[1] È una struttura di transizione tra stroma di cui risulta essere un condensamento e endotelio (da cui funge da base di appoggio). Composta da fibre collagene non orientate. Ha funzione strutturale e di transizione. Prende il nome dal medico francese Jean Descemet (1732-1810).

StrutturaModifica

Ha uno spessore compreso tra gli 8 e i 14 micron.[2] Perifericamente si unisce alle trabecole del limbus sclerocorneale; è formata da un reticolo piuttosto sottile immerso in materiale amorfo ed è rivestita in profondità da cellule endoteliali che guardano verso la camera anteriore. Si interpone tra stroma ed endotelio.

Va a costituire la cornea insieme a:

  • epitelio;
  • membrana limitante anteriore (M. di Bowmann);
  • stroma;
  • endotelio.

PatologiaModifica

Un significativo danno a questa membrana può richiedere un trapianto di cornea. La Distrofia di Fuchs Danni è una condizione ereditaria dove la membrana di Descemet si deteriora progressivamente e la cornea si ispessisce. Lo scambio di nutrienti tra la cornea e il resto dell'occhio viene interrotto. Può essere curata tramite chirurgia, tramite la rimozione della membrana di Descemet danneggiata e il trapianto di una nuova membrana prelevata dall'occhio di un donatore.[3] La maggior parte delle cellule squamose della membrana del donatore sopravvivono bloccando il deterioramento della cornea.

La membrana di Descemet è anche un sito di deposizione del rame nei pazienti con la malattia di Wilson o altre malattie del fegato, che portano alla formazione degli anelli di Kayser-Fleischer.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Y. Tamura, H. Konomi e H. Sawada, Tissue distribution of type VIII collagen in human adult and fetal eyes., in Investigative Ophthalmology & Visual Science, vol. 32, n. 9, 1º agosto 1991, pp. 2636–2644. URL consultato il 18 novembre 2018.
  2. ^ D. H. Johnson, W. M. Bourne e R. J. Campbell, The ultrastructure of Descemet's membrane. I. Changes with age in normal corneas, in Archives of Ophthalmology (Chicago, Ill.: 1960), vol. 100, n. 12, 1982-12, pp. 1942–1947. URL consultato il 18 novembre 2018.
  3. ^ Alastair J Stuart, Gianni Virgili e Alex J Shortt, Descemet's membrane endothelial keratoplasty versus Descemet's stripping automated endothelial keratoplasty for corneal endothelial failure, in Cochrane Database of Systematic Reviews, 8 marzo 2016, DOI:10.1002/14651858.cd012097. URL consultato il 18 novembre 2018.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Anatomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Anatomia