Apri il menu principale
Metribolone
Metribolone.png
Nomi alternativi
metiltrienolone
R1881
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC19H24O2
Massa molecolare (u)284,39
Numero CAS965-93-5
Numero EINECS663-842-3
PubChem261000
DrugBankDB02998
SMILES
CC1(CCC2C1(C=CC3=C4CCC(=O)C=C4CCC23)C)O
Indicazioni di sicurezza

Il Metribolone (noto anche come methyltrienolone o R1881) è un potentissimo ormone androgeno non aromatizzabile di sintesi, appartenente alla classe degli steroidi anabolizzanti[1]. La molecola è un derivato del trenbolone con aggiunta della 17α-metilazione, tipica degli steroidi orali, che ne rafforza la resistenza alla metabolizzazione epatica.

Il metribolone è in assoluto lo steroide anabolizzante (nonché l'androgeno) più potente in termini di effetti e risultati (aumento della massa muscolare, aumento della densità ossea, rafforzamento delle cartilagini, eritropoiesi, etc.)[2] e più tossico mai creato (sia a livello renale che, soprattutto, a livello epatico)[3], sia tra quelli iniettabili che tra quelli orali, tanto che negli anni nessuna casa farmaceutica ha mai rilasciato in commercio farmaci per umani a base di metribolone (nonostante la prima sintesi della molecola risalga a svariate decine di anni fa).

La molecola viene tuttavia ancora sintetizzata, poiché nell'ambiente chimico farmaceutico è usata, data la sua potenza, come metro di misura della potenza per gli altri steroidi anabolizzanti ed i loro effetti, oltre che per misurare la densità dei recettori androgeni negli animali.[4][5]. Negli Stati Uniti, esiste un prodotto veterinario a base di metribolone, usato negli allevamenti di bovini e cavalli.

A dispetto della sua tossicità elevata e dei suoi numerosi (e potenzialmente irreversibili) effetti collaterali, cloni del metribolone sono reperibili nel mercato nero e circolano comunque negli ambienti sportivi (sebbene rimanga una sostanza di nicchia rispetto agli steroidi classici, la sua procedura di sintesi è relativamente semplice da realizzare[6]); undici pesisti greci furono trovati positivi alla molecola alle Olimpiadi di Pechino del 2008[7].

NoteModifica

Altri progettiModifica

  Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia