Michele de Gemmis

magistrato e scrittore italiano

Michele de Gemmis (Terlizzi, 16 maggio 1799Terlizzi, 21 agosto 1871) è stato un magistrato e scrittore italiano.

Crown of Italian noble.svg
Michele de Gemmis
Nobile dei Baroni di Castel Foce
Predecessore Tommaso de Gemmis Maddalena
Successore Tommaso de Gemmis
Trattamento Sua Eccellenza Don Cavaliere
Nascita Terlizzi, 16 maggio 1799
Morte 21 agosto 1871
Sepoltura Terlizzi
Dinastia de Gemmis
Padre Tommaso de Gemmis Maddalena
Madre Cecilia Ciccopieri Cardenas dei duchi di Machedo
Consorte Nobile Maria Schettini di Limoges
Figli Tommaso, Maria Cecilia, Caterina, Carolina
Religione cattolicesimo

BiografiaModifica

Michele de Gemmis nacque a Terlizzi da un'antica dinastia di baroni in cui lo studio delle leggi era tradizione di famiglia. Nel 1834 si laureò in giurisprudenza presso la Regia Università di Napoli e divenne giudice di Tribunale civile per nomina regia. Ricoprì tale ruolo presso il tribunale di Trani, divenne quindi supplente di mandamento dal 1863 e figura più alta della magistratura locale. Fu Cavaliere di giustizia ed Inquisitore dell'Ordine Costantiniano di San Giorgio. Sposò in prime nozze la Nobile Maria Laudati ed in seconde la Nobile Maria Schettini. Risiedette nell'antico Palazzo adiacente La Torre dell'Orologio di Terlizzi, antico Castello Normanno della città. Pubblicò numerosi scritti a carattere storico e giuridico. Morì a Terlizzi, ampiamente stimato, il 21 agosto 1871.

Tra le numerose pubblicazioni sono meritevoli di citazione:

  • Elogio funebre di D. Michele De Paù già deputato al Parlamento. Napoli, Tipografia di Porcelli, 1849;
  • Elogio funebre di Ferdinando II Borbone Re del regno delle Due Sicilie. Napoli Stabilimenti tipografico strada S. Sebastiano n. 51, 1859;
  • Disamina sul duello. Trani, Tipografia Cannone 1861;
  • Osservazioni sul progetto di legge per l'abolizione dell'arresto personale in materia civile. Trani, Tipografia Cannone 1863;
  • Esame critico sulla proposta ministeriale al Parlamento nazionale per l'incameramento dei beni delle corporazioni religiose. Bari, 1865;
  • Disamina sullo stato discusso del municipio di Terlizzi. Terlizzi, 1867;
  • Osservazioni sull'attribuzione dei giurati nelle corti di Assise. Trani, Tipografia Cannone 1872.

BibliografiaModifica

  • Gaetano Valente, Feudalesimo e feudatari: Terlizzi nel Settecento, Molfetta 2004.
  • Gero Grassi, Per ricordare, Ed. Cooperativa culturale RTS, 2013