Apri il menu principale
Figura Terra cotta da Shaanxi, periodo degli Han occidentali (206 a.C. – 9 d.C.)

I mingqi (cinese: 冥器T, 明器S, míngqìP), talvolta designati come "oggetti degli spiriti"[1] o "vasi per i fantasmi", sono oggetti funebri cinesi. Essi includevano utensili quotidiani, strumenti musicali, armi, armature e oggetti intimi come il berretto, il bastone e la stuoia di bambù.[2] I mingqi potevano includere anche figurine, rappresentazioni spirituali piuttosto che persone reali,[3] di soldati, domestici, musicisti, cavalieri di polo, case e cavalli.[4] L'uso estensivo di mingqi durante certi periodi può essere stato un tentativo di preservare l'immagine della proprietà rituale tagliando i costi, o può esprimere una nuova idea separando il regno dei morti da quello dei vivi.[5]

Indice

ScopoModifica

I mingqi servivano a fornire ai defunti le necessità e i conforti nell'aldilà. Si diceva che il po del defunto rimanesse nel regno della tomba mentre lo hun ascendeva al cielo. Per placare e rendere degno il po del defunto, i mingqi ritenuti rilevanti e amati dal defunto erano collocati nella sua tomba. Allo scopo di porre i mingqi nella tomba, gli uomini, secondo l'ideale confuciano, stavano armonizzando il cosmo creando un equilibrio per il conforto del defunto che era consolato anche in cielo.[6]

NoteModifica

  1. ^ Loewe, p. 266
  2. ^ Michael Loewe e Edward L. Shaughnessy, The Cambridge history of ancient China: from the origins of civilization to 221 B.C., Cambridge University Press, 1999, pp. 728–, ISBN 978-0-521-47030-8. URL consultato il 26 gennaio 2011.
  3. ^ Charles Higham, Encyclopedia of ancient Asian civilizations, Infobase Publishing, 2004, pp. 224–, ISBN 978-0-8160-4640-9. URL consultato il 26 gennaio 2011.
  4. ^ Rotary International, The Rotarian, Rotary International, gennaio 1994, pp. 23–, ISSN 0035-838X (WC · ACNP). URL consultato il 26 gennaio 2011.
  5. ^ Miriam T. Stark, Archaeology of Asia, Wiley-Blackwell, 2006, pp. 212–, ISBN 978-1-4051-0213-1. URL consultato il 26 gennaio 2011.
  6. ^ Heather Colburn Clydesdale, The Vibrant Role of Mingqi in Early Chinese Burials, su Heilbrunn Timeline of Art History, The Metropolitan Museum of Art. URL consultato l'8 agosto 2012.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica