Apri il menu principale
Miranda Prorsus
Lettera enciclica
Stemma di Papa Pio XII
Pontefice Papa Pio XII
Data 8 settembre 1957
Anno di pontificato XIX
Argomenti trattati Cinema, radio e televisione
Numero di pagine 20
Enciclica papale nº XXXVIII di XL
Enciclica precedente Le Pèlerinage de Lourdes
Enciclica successiva Ad Apostolorum Principis

Miranda Prorsus (in latino La meravigliosa invenzione) è la XXXVIII enciclica di Papa Pio XII. Dopo Vigilanti cura (1936), è la seconda enciclica in cui il pontefice si è espresso su cinema, radio e televisione. È stata promulgata l'8 settembre 1957.

Indice

IntroduzioneModifica

La prefazione all'enciclica contiene già sostanzialmente le linee generali del pensiero del pontefice. Il documento illustra le ragioni dell'interesse della chiesa per i moderni mezzi di comunicazione. La prefazione illustra e spiega gli eventi che hanno portato a questa enciclica.

Parte generaleModifica

Pio XII scrive nell'Introduzione:

«Le meravigliose invenzioni tecniche, di cui si gloriano i nostri tempi, benché frutti dell'ingegno e del lavoro umano, sono tuttavia doni di Dio, nostro creatore, dal quale proviene ogni opera buona: "Egli, infatti, non solo ha dato l'esistenza al creato, ma lo stesso creato conserva e sviluppa”[1]. Alcune di queste invenzioni servono a moltiplicare le forze e le possibilità fisiche dell'uomo; altre a migliorare le sue condizioni di vita; altre ancora, e queste più da vicino toccano la vita dello spirito, servono - direttamente, o mediante artifici di immagini e di suono - a comunicare alle moltitudini, con estrema facilità, notizie, idee e insegnamenti, quali nutrimento della mente, anche nelle ore di svago e di riposo.»

In questa parte Pio XII ripercorre la storia dello sviluppo dei mezzi di comunicazione, spiega come il Bene ed il Male possono essere comunicati e richiama l'attenzione sugli sviluppi problematici. Il pontefice sottolinea che i media assolvono anche una missione educativa e indica che sono chiamati a diffondere l'informazione, l'istruzione e l'educazione delle masse. A questo fine svolgono un ruolo importante di controllo le autorità di regolamentazione e le associazioni professionali; mostra le caratteristiche della riproduzione tecnica del suono e dell'immagine, ponendole al servizio della verità e del bene.

Considerazioni specificheModifica

Dopo aver esposto le caratteristiche specifiche della cinematografia, della radio e della televisione, il pontefice pone l'accento sulle responsabilità dei registi e degli attori, ma anche delle società di produzione e infine dei distributori, dei quali illustra le particolari funzioni. D'altra parte il pontefice incoraggia i consumatori a non ricevere acriticamente i messaggi provenienti dai mass media. Pio XII vede un altro modo di utilizzare i mezzi di comunicazione di massa nella diffusione di programmi radiofonici e televisivi cattolici, e riconosce l'uso dei mass media per diffondere il messaggio cristiano.

ConclusioneModifica

Il Papa si rivolge innanzitutto al clero e sottolinea l'importanza del buon uso dei mezzi di comunicazione. Infine, si rivolge a tutte le persone di buona volontà nel suo intervento di chiusura:

«Abbiamo voluto confidarvi, Venerabili Fratelli, le nostre preoccupazioni, da voi certamente condivise, sui pericoli che un uso non retto delle tecniche audiovisive può costituire per la fede e per l'integrità morale del popolo cristiano. Non abbiamo però mancato di rilevare i lati positivi di questi moderni e potenti mezzi di diffusione.

Abbiamo a tal fine esposto, alla luce della dottrina cristiana e della legge naturale, i principi informatori che devono regolare e dirigere tanto l'azione dei responsabili nelle cui mani sono le tecniche di diffusione, quanto la coscienza del pubblico che se ne serve.

Ed è proprio per orientare verso il bene delle anime questi doni della Provvidenza che vi abbiamo paternamente esortati non solo alla doverosa vigilanza, ma anche a positivi interventi.

Il compito infatti degli uffici nazionali, che ancora una volta vi raccomandiamo, non sarà soltanto quello di preservare e difendere, ma anche, e soprattutto, di dirigere, coordinare e assistere le molte opere educative, sorte nei vari paesi per lievitare di spirito cristiano il settore così complesso e vasto delle tecniche di diffusione.»

NoteModifica

  1. ^ San Giovanni Crisostomo, De Consubstantiali, contra Anomoeos: PG 48, 810.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo