Monastero Ipat'ev

Monastero russo
Monastero Ipat'ev
Ipatiev Monastery 1.jpg
Veduta del monastero dal fiume
StatoRussia Russia
Circondario federaleCentrale
LocalitàKostroma
Religionecristiana ortodossa russa
DiocesiEparchia di Kostroma e Galič
FondatorePrincipe Chet
Stile architettonicoMedievale russo
Inizio costruzione1330
CompletamentoXVII secolo
Sito webipatievsky-monastery.ru

Coordinate: 57°46′35″N 40°53′40″E / 57.776389°N 40.894444°E57.776389; 40.894444

Il monastero Ipat'ev in russo: Ипатьевский монастырь? è un monastero maschile situato sulla riva del Kostroma, dal lato opposto della città di Kostroma. Fu fondato intorno al 1330 da un tartaro convertito, il Principe Chet, antenato in linea maschile di Solomonia Saburova e Boris Gudunov.

Storia e descrizioneModifica

 
Interno della Cattedrale della Trinità.
 
Iconostasi della Cattedrale della Trinità.

Nel 1435 Basilio II di Russia concluse qui una pace con suo cugino Basilio Kosoy: a quel tempo, il monastero era un importante centro di insegnamento. Fu qui che Nikolaj Michajlovič Karamzin scoprì un insieme di tre codici del XIV secolo, il Codice Ipat'ev, la cui prima parte è l'importante Cronaca degli anni passati. Durante il Periodo dei torbidi in Russia il monastero fu occupato dai sostenitori del Falso Dimitri II di Russia nella primavera del 1609, ma nel settembre dello stesso anno passò nelle mani dei loro avversari. Il 14 marzo 1613 lo Zemskij sobor qui riunito proclamò Michele Romanov nuovo zar[1].

La maggior parte delle costruzioni del monastero datano a partire dal XVI e XVII secolo. Il Palazzo dei Romanov venne costruito nel 1588 e restaurato dall'architetto Richter[2]; la cattedrale della Trinità, eretta nella metà del '600[3], è famosa per la sua sontuosa iconostasi e gli affreschi eseguiti in gran parte da Gurij Nikitin; una chiesa di dimensioni minori è stata demolita durante la dittatura comunista, ma c'è l'idea di ricostruirla e dedicarla ai santi martiri della famiglia imperiale. L'ingresso principale dalla riva del fiume è stato progettato da Konstantin Andrejevič Thon. La stanza privata dello zar Michele I venne ricostruita per ordine dello zar Alessandro II di Russia, ma alcuni architetti moderni hanno messo in discussione l'autenticità di questa ricostruzione.

Il monastero venne abbandonato dopo la rivoluzione d'ottobre nel 1917, e trasformato in museo: dopo un accurato programma di recupero e restauro, le autorità hanno deciso di restituirlo alla Chiesa ortodossa russa, nonostante la forte opposizione delle autorità museali locali.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Views of the monastery, su sobory.ru. URL consultato il 19 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 30 settembre 2009).

NoteModifica

  1. ^ "Mosca, Sam Pietroburgo, Kiev", Guida TCI, 1992, pag. 129
  2. ^ "Mosca, Sam Pietroburgo, Kiev", Guida TCI, 1992, pag. 129
  3. ^ "Mosca, Sam Pietroburgo, Kiev", Guida TCI, 1992, pag. 129
Controllo di autoritàVIAF (EN141256878