Apri il menu principale
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Monoplacofori
Immagine di Monoplacophora mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Protostomia
(clade) Lophotrochozoa
Phylum Mollusca
Subphylum Conchifera
Classe Monoplacophora

I Monoplacofori sono una classe del phylum dei molluschi.

Le poche specie viventi note, tutte appartenenti a un'unica famiglia[1], sono caratterizzate da una simmetria bilaterale, dalla metameria, dalla presenza di due cavità celomatiche e una cavità pericardica. Il corpo comprende un piede circolare circondato dal solco del mantello ed è ricoperto dorsalmente da una conchiglia unica, conica e ad apice leggermente incurvato. Il sacco dei visceri non ha subito torsione.

Vi sono otto paia di muscoli retrattori pedali e altri retrattori delle branchie (5 paia), 2 paia di cordoni nervosi longitudinali connessi da commensure trasversali in maniera metamerico-simile e anche i nefridi vengono ripetuti a disposizione metamerica. Da queste osservazioni si può ritenere che i Monoplacofori rappresentino un tentativo, non completamente riuscito, di evoluzione della metameria.

Sono muniti anteriormente di due tentacoli. L'apertura boccale è situata nel solco del mantello, preceduta da un velo ed è provvista di radula. L'apertura anale è posteriore e l'intestino è lungo e forma delle anse.

L'apparato respiratorio è rappresentato da cinque paia di branchie uniseriate situate nel solco del mantello. Il cuore è munito di due atrii a cui affluisce il sangue dalle ultime due paia di branchie.

Il sistema nervoso è costituito da un cingolo periesofageo e da due paia di tronchi longitudinali (pedali e viscero-palleali) uniti da dieci paia di commissure latero-pedali. Anche l'apparato escretore ha ordinamento metamerico con sei (o sette) paia di metanefridii connessi con il celoma o con il pericardio.

I sessi sono separati con due paia di gonadi in rapporto con le corrispondenti paia di nefridi.

Habitat e distribuzioneModifica

I monoplacofori vivono generalmente in acque profonde (oltre i 3000 metri sotto il livello del mare); ne sono state trovati comunque fino a una profondità minima di circa 200m (genere Vema).

Sono distribuiti in quasi tutti i mari e gli oceani del mondo. Nel Mediterraneo è presente (anche se raro) il genere Veleropilina.[2]

Scoperte recentiModifica

Di questa classe di molluschi sono stati ritrovati fossili tra il Cambriano e il Devoniano, per cui essi erano considerati estinti da circa 380 milioni di anni. Inaspettatamente nel 1957 fu pubblicata la notizia[3] che una nave oceanografica danese, la Galathea, aveva raccolto nel 1952 vari esemplari di monoplacofori a 3370 metri di profondità al largo delle coste occidentali della Costa Rica.[4] Alla nuova specie fu dato il nome di Neopilina galatheae (in onore della nave che effettuò i dragaggi). Da allora sono state rinvenute una trentina di specie.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b Secondo Catalogue of Life - Annual Checklist 2016 i Monoplacofori contengono solo la famiglia delle Neopilinidae con 7 generi e circa 30 specie. Va sottolineato che la tassonomia di questa classe è in discussione e in rapida evoluzione.
  2. ^ Monoplacophora, su Conchiglie del Mediterraneo. URL consultato il 2 novembre 2018.
  3. ^ (EN) H.Lemche, A new living deep-sea mollusc of the Cambro-Devonian class Monoplacophora, in Nature, nº 179, 23 febbraio 1957, pp. 413-416. URL consultato il 1º novembre 2018.
  4. ^ (EN) Neopilina galatheae: Living Fossil from the Ocean (PDF), su Science Reporter - Living Fossils, novembre 2010. URL consultato il 1º novembre 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Molluschi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di molluschi