Mutismo

condizione che non permette all'essere umano e animale di comunicare per mezzo della voce e della parola
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Il mutismo è la condizione che non permette all'essere umano e animale di comunicare per mezzo della voce e della parola.

Spesso la condizione di difficoltà all'utilizzo della parola vocale, e non il mutismo, si associa, per ovvie ragioni, alla sordità. Tale fenomeno viene erroneamente chiamato sordomutismo, che invece è la condizione di chi è contemporaneamente affetto da sordità e mutismo.

Nella maggior parte dei casi il mutismo è la conseguenza di traumi (che possono essere di qualsiasi tipo, ad esempio ma non solo per danni all'Area di Broca) contratti in età giovanile e adolescenziale e meno frequentemente in quella adulta.

Mutismo "acquisito"Modifica

Il mutismo si può inoltre contrarre per il semplice fatto che una persona soprattutto taciturna e/o isolata si possa ridurre a parlare sempre meno, pur dipendendo dai casi riscontrati. Tale evenienza può accadere principalmente a soggetti già affetti da sordità, che, abituati a comunicare con la lingua dei segni perdono pian piano la parola, oppure a soggetti molto giovani che non parlando perdono la capacità di riprodurre i suoni, il che porta in entrambi i casi all'incapacità di produrre suoni completi che si riducono a gutturali e perciò praticamente incomprensibili.

Mutismo psicogenoModifica

Il mutismo psicogeno si manifesta in assenza di discorsi reciproci e spontanei con un'abilità sicura di parlare e comprendere il discorso rivolto al paziente. Questa sindrome può essere osservata nel quadro dei disturbi di conversione. Un'altra forma di mutismo nevrotico nei bambini è un mutismo elettivo (selettivo, emergente quando si comunica con una sola persona).

Mutismo selettivoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Mutismo selettivo.

Il mutismo selettivo è un disturbo d'ansia dell'infanzia, della fanciullezza e dell'adolescenza riconosciuto dal DSM-IV (quarta versione del Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders) e caratterizzato da una persistente incapacità di parlare in certi contesti (per esempio all'asilo o a scuola) nonostante la capacità di parlare in altri contesti sia preservata (per esempio a casa con i genitori). In alcuni casi più gravi il mutismo persiste anche nell'ambiente familiare anche se questi casi sono rari.
Esistono molti centri di diagnosi. Colpisce maggiormente le bambine e si manifesta in genere al momento dell'ingresso alla scuola dell'infanzia o a quella primaria.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 12772 · LCCN (ENsh85089141 · GND (DE4170886-6 · BNF (FRcb12571398c (data)