Natale Polci

poeta italiano

Natale Polci (Giuliano di Roma, 25 dicembre 1897Roma, 10 aprile 1988) è stato un poeta italiano che scrisse in dialetto romanesco. Tramviere (vd. Ettore Veo, "I poeti romaneschi", Anonima romana editore, 1927). La sua poesia più nota, "Er passero ferito", è spesso erroneamente attribuita al più celebre Trilussa. È sepolto a Roma nel Cimitero Flaminio. A Natale Polci è dedicata una Biblioteca nel suo comune di nascita.

OpereModifica

  • Fiori der pensiero - versi romaneschi, S. A. Tip. Luzzatti, 1932
  • Sordati d'Italia - sonetti romaneschi, tip. Luzzatti, 1932
  • 112 sonetti romaneschi, Casa editrice Dalmatia, 1952
  • Ner camposanto de la verità, Dalmatia, 1968
  • La voce de Pasquino: Versi romaneschi, Dalmatia, 1971
  • Cento apologhi, Signorelli, 1975
  • Er paradiso in tera: (perle d'Italia): (in dialetto Romano), Lo Faro, 1978
  • La voce de la natura-versi romaneschi-Gabrieli-finito di stampare Giugno 1973
  • Piazze de Roma -sonetti romaneschi-Capriotti editore-Roma -1949-
  • Arte e Mestieri Sonetti romaneschi-casa editrice Dalmatia -1952-
  • Le Favole Versi romaneschi -casa editrice Dalmatia -1960-