Neemia

personaggio biblico
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il nome proprio, vedi Neemia (nome).
Neemia in una icona moderna.

Neemia o Nehemia, Nechemya (נְחֶמְיָה "Conforto di Yahweh" o "Yahweh ha confortato")[1] è la figura centrale del Libro di Neemia, che descrive la sua opera di ricostruzione di Gerusalemme durante il periodo del Secondo Tempio. Fu governatore della Giudea persiana sotto Artaserse I di Persia (465-424 a.C.).[2] La maggior parte degli studiosi ritiene che Neemia sia una figura storica e che le parti del Libro di Neemia scritte in prima persona siano storicamente attendibili.[3][4][5]

BiografiaModifica

 
Due mappe di Gerusalemme ai tempi di Neemia. Francesco Quaresmio, Terrae Sanctae Elucidatio, Anversa, 1639

Figlio di ebrei deportati a Babilonia in occasione dell'esilio del 586, nacque certamente a Babilonia, dove con la sua abilità riuscì a raggiungere un alto grado, e divenne coppiere di Artaserse I nella corte persiana di Susa. Probabilmente era eunuco; certamente laico. Quanto egli fece lo mostra animato da vivo zelo per le istituzioni nazionali e religiose del giudaismo. Saputo che le condizioni materiali e morali degli ebrei già rimpatriati a Gerusalemme ai tempi di Ciro il Grande erano pessime, egli, ottenuto il permesso dal re, si recò a Gerusalemme munito di ampi poteri governativi (445 a. C.). Una volta giuntovi, comprese che la necessità più urgente, per proteggere la comunità ebraica dalle possenti e ostili tribù vicine, era quella di ricostruire le mura della città. Rianimato il popolo ormai sfiduciato, e messolo subito al lavoro sotto la sua personale direzione, le mura furono compiute in 52 giorni. Assicurata questa protezione all'esterno, Neemia provvide con sistemi altrettanto energici al ripopolamento della città, alla compattezza nazionale degli abitanti, e al rinvio di mogli straniere che erano entrate a far parte della comunità di Gerusalemme; in un'adunanza tenuta in queste occasioni fu letto pubblicamente un esemplare della Torāh o Legge.

Nel 433 Neemia tornò alla corte di Susa; ma più tardi tornò ancora una volta a Gerusalemme (un po' prima del 424), per eliminare vari abusi, che nel frattempo si erano infiltrati nella comunità da lui sorvegliata anche da lontano. Nulla si sa della sua fine.

NoteModifica

  1. ^ Kenneth L. Barker, D. Waylon Bailey, The New American Commentary, B&H Publishing Group, 1998, p. 142, ISBN 978-0805401202.
  2. ^ James D. G. Dunn e John William Rogerson, Eerdmans Commentary on the Bible, Wm. B. Eerdmans Publishing, 19 novembre 2003, p. 321, ISBN 978-0-8028-3711-0.
  3. ^ For confirmation that many scholars share this view, see Anne Fitzpatrick, "What did Nehemiah do for Judaism," in A Wandering Galilean: Essays in Honour of Seán Freyne, a cura di Zuleika Rodgers, Margaret Daly-Denton e Anne Fitzpatrick Mckinley, BRILL, 2009, pp. 93–, ISBN 90-04-17355-2.
  4. ^ For confirmation that most scholars share this view, see Jack Pastor, "The Contribution of the Samaria Papyri from Wadi Daliyeh to the Study of Economics in the Persian Period," in Samaritans: Past and Present: Current Studies, a cura di Menahem Mor e Friedrick V. Reiterer, Walter de Gruyter, 2010, pp. 52–, ISBN 978-3-11-019497-5.
  5. ^ For an author who disagrees with the scholarly majority position on the historicity of Nehemiah and Ezra, but acknowledges the existence of that majority, see Philip R. Davies, Rethinking Biblical Scholarship: Changing Perspectives 4, Taylor & Francis, 3 settembre 2014, p. 108, ISBN 978-1-317-54443-2.
    «The essential historicity of the events described [in Ezra and Nehemiah] has rarely been questioned.».

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN298129322 · LCCN (ENnr95011212 · WorldCat Identities (ENlccn-nr95011212