Apri il menu principale

Nicola Codronchi (Imola, 1751Napoli, 1818) è stato un filosofo ed economista italiano.

Saggio filosofico, 1783 (Milano, Fondazione Mansutti).

Appartenente alla nobiltà, dopo la laurea in giurisprudenza prosegue gli studi approfondendo la matematica spinto dal padre Innocenzo Codronchi. In seguito entra alla corte del regno di Napoli, prima con Ferdinando I e poi con Giuseppe Bonaparte, da cui ottiene la nomina a consigliere di Stato. Le sue opere più celebri sono un trattato sull'etica e il Saggio filosofico su i contratti e giochi d'azzardo (1783), in cui affronta con semplicità l'argomento del calcolo delle probabilità. Codronchi distingue in tre classi di contratti aleatori: quelli in cui è noto il rapporto tra eventi favorevoli contrari, quelli in cui questo rapporto è fondato sull'esperienza, quelli in cui il rapporto si basa su leggi sicure e in parte sull'esperienza.

BibliografiaModifica

  • Fondazione Mansutti, Quaderni di sicurtà. Documenti di storia dell'assicurazione, a cura di M. Bonomelli, schede bibliografiche di C. Di Battista, note critiche di F. Mansutti. Milano: Electa, 2011, pp. 110–111.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN2033431 · ISNI (EN0000 0000 5032 408X · LCCN (ENno92002746 · GND (DE1050674928 · BAV ADV12385269 · CERL cnp02101582 · WorldCat Identities (ENno92-002746