Nightcore

genere musicale

Un nightcore edit è una cover che accelera il tono musicale e il tempo del materiale sorgente del 10-30%. Il nome deriva da Nightcore, un duo norvegese che ha pubblicato versioni con pitch shift di canzoni Trance e Eurodance, ma ora si riferisce più ampiamente a qualsiasi cover accelerata (con un determinato strumento o applicazione). Nightcore è anche comunemente associato agli anime, con molte miniature YouTube di remix nightcore contenenti personaggi e illustrazioni degli anime. Alcuni possono anche venire con un visualizzatore dello spettro audio.[1]

Nightcore
Origini stilisticheTechno hardcore
Happy hardcore
Euro-Trance
Eurodance
Hands Up
Origini culturali2001, Norvegia
Strumenti tipiciEditor audio
PopolaritàAlta su Internet.
Categorie correlate
Gruppi musicali nightcore · Musicisti nightcore · Album nightcore · EP nightcore · Singoli nightcore · Album video nightcore

2000: OriginiModifica

Il termine nightcore è stato usato per la prima volta nel 2001 come nome per un progetto scolastico del duo di DJ norvegesi Thomas S. Nilsen Fiction e Steffen Ojala Søderholm, conosciuti rispettivamente con i loro nomi d'arte come DJ TNT e DJ SOS. Il nome Nightcore significa "noi siamo il cuore della notte, quindi ballerai tutta la notte", viene anche affermato "Nightcore è Hardcore".[2] I due sono stati influenzati dalla voce alzata di tono in "Nessaja" e "The Logical Song" degli Scooter, affermando in un'intervista che "C'erano così pochi artisti di questo tipo, abbiamo pensato che mixare la musica nel nostro stile sarebbe stato un piacere le orecchie" e "Nightcore è diventato un genere musicale, un modo per fare musica più felice - "happy hardcore" come si suol dire".[3]

Il duo ha impostato un modello dello stile: un'accelerazione del 25-30% (comunemente da circa 160 a 180 battiti per minuto) di una canzone trance o eurodance.[4] La musica nightcore è stata paragonata a happy hardcore e al bubblegum bass grazie ai suoi ritmi veloci, al feeling energico e alla voce acuta.[4][5][6] Nightcore ha realizzato cinque album di versioni accelerate di registrazioni di trance, incluso il loro album di debutto del 2002 con tredici tracce "Energized" e gli album successivi "Summer Edition 2002", "L'hiver", "Sensación" e "Caliente".[7][8] Il loro primo album è stato realizzato con eJay, mentre tutto il loro lavoro successivo è stato realizzato con quelli che hanno descritto come programmi "top secret".[9] Tutti i loro dischi sono stati venduti ai loro amici e DJ nella loro zona.[4][9]

I lavori di Nightcore hanno iniziato ad apparire su servizi come LimeWire a metà del 2003 e YouTube nel 2006. La prima traccia nightcore ad apparire su quest'ultimo sito è stata "Dam Dadi Doo" del duo. Solo due degli album del progetto sono emersi su Internet. [4] Una delle prime persone a distribuire musica nightcore su YouTube è stato un utente di nome Maikel631, a partire dal 2008. Ha caricato per la prima volta circa 30 tracce originali di Nightcore sulla piattaforma. Nel 2009, ha creato una "nuova" traccia nightcore, così come la tecnica per creare materiale nello stile:

«Sono arrivato alla conclusione che le canzoni dei Nightcore potrebbero essere fatte da tutti, usando un software audio ragionevolmente semplice. Sono stato almeno una delle prime persone a usare davvero quella conoscenza per fare modifiche al Nightcore. oShyGuyzo lo ha fatto prima di me con Nightcore II. Un altro canale che ha seguito e ha iniziato a esplorare il Nightcore creato dai fan più o meno nello stesso periodo è stato Nasinocinesino.[4]»

2010: PopolaritàModifica

La prima modifica nightcore di un brano non dance è stata quella di Evanescence, caricata su YouTube nel 2011. Da lì, la musica è cresciuta in popolarità con più persone che hanno applicato il trattamento nightcore per generi più non dance come musica pop e hip-hop. Molti dei pionieri caricatori di nightcore, tra cui Maikel631, hanno definito questi edit non dance "falsi".[4] La scena nightcore è poi passata a SoundCloud con l'aiuto dell'artista lilangelboi, che ha pubblicato circa dieci o quindici remix. Il capo di Manicure, Tom "Ghibli" Mike, ha ricordato: "Ne sono rimasto totalmente ossessionato. Ho messo su quello che ha fatto, l'abbiamo avuto qui per fare il DJ alcune feste, e poi si è trasferito qui. Questo è stato il modo in cui il nightcore è diventato una cosa per noi".[4] La playlist #MANICURED dell'etichetta consisteva in interpretazioni nightstep di brani K-pop e electro house, alcuni di loro incorporano anche tecniche di produzione al di fuori del pitch-shifting e dell'accelerazione del materiale di partenza, come "Mile High" di Chipped Nails e Ponibbi e "Fave Hours" di FIJ I.[4]

A metà degli anni 2010, la scena nightcore aveva attirato l'attenzione di musicisti come Djemba Djemba, Maxo e Harrison, Nina Las Vegas, Ryan Hemsworth, Lido, Moistbreezy e i fondatori di PC Music: Danny L Harle e AG Cook. [4] Harle e Cook hanno affermato nelle loro interviste di essere stati influenzati dal genere,[4]

«Dal momento in cui l'ho ascoltato per la prima volta, è stato così intensamente emozionante. Non mi sento come se fosse un'interazione di un altro essere umano con me, è solo il suono MP3 che mi fa sentire emotivo nella mia testa. Con quel genere di cose, è una rappresentazione di un'emozione intensa.[10]»

Uno scrittore di THUMP lo ha descritto come la "base per alcune delle più innovative musiche da club oggi" e ha scritto che ha anche portato a una serie di "terribili" memi:

«Per tutti gli ultimi anni e negli anni 2010, è diventato oggetto di una serie di terribili meme, e persino di una voce su KnowYourMeme.com, dove si trova una storia sorprendentemente ampia della musica accanto a storie di trappole e al suo famigerato campione di trombe d'aria. Come quel suono iconico, spesso campionato, l'inevitabile fascino del nightcore risiede nel divertimento forte, sfacciato e basso, un archibugio da batticuore di suoni appiccicosi e ricoperti di caramelle. È un artefatto in debito con un Internet precedente, meno formalizzato, in cui la condivisione di file e la cultura del forum regnavano sovrane e dove molti aspiranti produttori hanno sperimentato per la prima volta l'emozione di connettersi con una comunità più ampia online. [9]»

Dance Music Northwest ha descritto il nightcore come "troppo orecchiabile, troppo ballabile e troppo divertente per non accoglierlo nel mainstream della musica dance".[5] David Turner di MTV ha descritto un remix nightstep di 7 Years di Lukas Graham come "solo la normale fottuta canzone" e plagiarismo.[11]

DaycoreModifica

Il Daycore (a volte chiamato Anti-Nightcore) è l'opposto della musica nightcore. Anche se questo stile mantiene la maggior parte delle caratteristiche del nightcore, invece di accelerare la musica, si tratta di rallentarla. È uno stile in cui una canzone viene creata rallentando la melodia e viene introdotto un ritmo più lento.[12] Così le voci della musica sono più lente ma soprattutto assumono un tono molto più profondo.

NightstepModifica

Il Nightstep è l'applicazione delle stesse tecniche del nightcore nel vocal dubstep o comunque generi derivati dal pop.[13]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Joan Summers, What the Hell Is Nightcore, the Manic Music Genre That Somehow Keeps My Freak-Outs in Check?, su Jezebel. URL consultato il 12 settembre 2020.
  2. ^ :!: Nightcore is Hardcore :!: biography, su www2.hemsida.net. URL consultato il 3 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 2 settembre 2007).
  3. ^ NIGHTCORE INTERVIEW | SUPERSUPER! Magazine, su thesupersuper.com, SUPERSUPER! Magazine. URL consultato il 3 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 28 luglio 2012).
  4. ^ a b c d e f g h i j Fan Fiction (August 7, 2015). "Nest HQ's Guide to Nightcore" Archiviato il 18 settembre 2016 in Internet Archive.. Nest HQ. OWSLA. Retrieved September 18, 2016.
  5. ^ a b Harshman, Heath (July 25, 2015). "Why We Welcome Nightcore As The Next Breakout Genre" Archiviato il 19 settembre 2016 in Internet Archive.. Dance Music Northwest. Retrieved September 18, 2016.
  6. ^ Mija Brings FK a Genre Tour to the Hangar This Week, su miaminewtimes.com, Miami New Times, 6 dicembre 2016. URL consultato il 26 dicembre 2016 (archiviato il 26 dicembre 2016).
  7. ^ (NO) Thomas sin jæmmesia, su www2.hemsida.net. URL consultato il 3 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2005).
  8. ^ :!: Nightcore is Hardcore :!: news, su www2.hemsida.net. URL consultato il 3 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 14 febbraio 2004).
  9. ^ a b c Arcand, Rob (15 agosto 2016). "How Nightcore Became Your Favorite Producer's Favorite Genre" Archiviato il 21 settembre 2016 in Internet Archive.. THUMP. Vice Media. Estratto il 18 settembre 2016.
  10. ^ Graham (1 giugno 2015). "Danny L Harle: Silly is a Feeling, Too". Pigeons & Planes. Estratto il 18 settembre 2016.
  11. ^ David Turnet, Seven '7 Years' EDM Remixes for Your Memorial Day Weekend, su mtv.com, 27 maggio 2016. URL consultato il 14 settembre 2018 (archiviato il 15 settembre 2018).
  12. ^ Urban Dictionary: anti-nightcore, su Urban Dictionary, 8 ottobre 2017.
  13. ^ Urban Dictionary: Nightstep, su Urban Dictionary, 16 gennaio 2021.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica