Ondarock

rivista online italiana
Ondarock
sito web
URLwww.ondarock.it
Tipo di sitoRivista on-line
ProprietarioClaudio Fabretti
Lanciofebbraio 2001
Stato attualeattivo
SloganWebzine sul mondo della musica

Ondarock è una rivista on-line a tema musicale fondata da Claudio Fabretti[1] nel febbraio 2001 e vincitrice della Targa Mei Musicletter 2013 come miglior sito web[2]. La rivista è considerata uno dei più autorevoli magazine musicali online ed è uno dei siti più visitati nel suo genere[1][3][4][5][6][7].

StoriaModifica

1999-2001: Le origini di OndarockModifica

Già nel 1999 Claudio Fabretti iniziava una sua personale ricerca sulla costruzione di siti web utilizzando Geobuilder e costruendo un sito personale al fine di raccogliere gli articoli a tema musicale scritti per il settimanale Avvenimenti[3][5]. Solo in seguito, nel febbraio 2001, venne aperto il dominio ondarock.it, ispirandosi alla corrente musicale della new wave[5], con un nome che "potesse evocare in un colpo solo la suggestione di navigare sul web e un'attitudine musicale ben precisa"[3][8]. Tra i primi articoli pubblicati in questo originario abbozzo di webzine vi erano articoli su David Bowie, Neil Young, Led Zeppelin, R.E.M.[5], oltre che un certo numero di gruppi meno conosciuti del'indie rock internazionale[5][8].

2002-2010: L'espansione della rivistaModifica

E fu in questo primo periodo, in cui la rivista aveva ancora un aspetto da webzine, che si unirono i primi giornalisti, e tra questi Paolo Sforza, Mauro Roma, Marco Delsoldato, Mattia Paneroni, Francesco Nunziata, Michele Chiusi[8]. La prima nuova sezione del sito, fu il forum di Ondarock, curato principalmente da Paolo Sforza, con una grafica prima nero/arancione ed in seguito celestina[3][8].

Col tempo nacque poi l'esigenza di suddividere l'archivio storico dalle nuove uscite discografiche, e ancora dalle schede degli artisti: nacquero così le allora nuove rubriche di Ondarock come Rock e dintorni o Angolo Dark, e per un breve periodo uno spazio dedicato alle sole cantautrici, poi convertito nella rubrica Songwriter[8].

In questi anni anche la sezione Cinema crebbe notevolmente, fino ad acquisire progressivamente un volume tale da divenire nel 2008 la rivista on-line a sé stante chiamata Ondacinema, a cui avevano dato una importante spinta propulsiva Elisa Goolvart e Rocco Castagnoli, deceduti di li a poco per un incidente stradale[9][10][11].

2011-in poiModifica

Nel 2013 viene conferita ad Ondarock la Targa Mei Musicletter come miglior sito web "per l’ottima qualità dei contenuti e degli approfondimenti che spaziano dalla musica indipendente e alternativa al mainstream. Per la capacità di essere sempre sulla notizia e sulle ultime uscite discografiche, per la bella veste grafica e, non per ultimo, per l’eccellente navigabilità" definendolo nella motivazione come "un punto di riferimento del web per gli appassionati di popular music."[12]

Premi e riconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Luca Doldi, Rise And Fall Of Academic Reviewing, in Rumore, ottobre 2019, pp. 53-54.
  2. ^ Targa Mei Musicletter: i vincitori sono il sito Onda Rock e il blog Venerato Maestro Oppure di Eddy Cilìa!, su MEI. URL consultato il 1º ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2013).
  3. ^ a b c d Buonaguidi Luca e Setola Salvatore, Ambulance Songs, Arcana, 2019, pp. 247-250.
  4. ^ Jacopo Casati, Intervista a Claudio Fabretti, direttore di Ondarock e giornalista di Leggo, su musicattitude.it, 16 dicembre 2015.
  5. ^ a b c d e Valerio D'Onofrio, Intervista a Claudio Fabretti, creatore del magazine Ondarock, su psycanprog.com, 2 settembre 2013.
  6. ^ Un Mucchio di casini, su www.vice.com. URL consultato il 10 gennaio 2021.
  7. ^ ONDAROCK Mediapartner di "UNPLUGGED", su youtube.com.
  8. ^ a b c d e Claudio Fabretti, Dieci anni di OndaRock, su ondarock.it.
  9. ^ ondacinema.it, Dieci anni di Ondacinema | Speciali, su www.ondacinema.it. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  10. ^ L'auto esce di strada e si ribalta Muore una hostess di San Pietro - Corriere del Veneto, su corrieredelveneto.corriere.it. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  11. ^ La Nazione, Studente universitario travolto e ucciso in bici, su La Nazione. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  12. ^ Redazione, Targa Mei Musicletter 2013, scelti i due migliori siti di informazione musicale e culturale, su ravennanotizie.it, 4 settembre 2013.

Collegamenti esterniModifica