Apri il menu principale

Ordine del Leone di Norvegia

Ordine del Leone norvegese
Orden den norske løve
Kraschan Norska Lejonets orden - Livrustkammaren - 22496.tif
Stella dell'Ordine del Leone norvegese
Norvegia
Regno di Norvegia
TipologiaOrdine cavalleresco statale
MottoOver Dybet mot Høiden
Statussoppresso
IstituzioneStoccolma, 21 gennaio 1904
Primo capoOscar II di Svezia
CessazioneOslo, 11 maggio 1952
Ultimo capoHaakon VII
GradiCavaliere
Precedenza
Ordine più altonessuno, equivalente al Reale Ordine dei Serafini
Ordine più bassoOrdine reale norvegese di Sant'Olav
NorwegianLion.ribbon.jpg
Nastro dell'Ordine

L'Ordine del Leone norvegese fu un ordine cavalleresco svedese-norvegese fondato da Oscar II, Re di Svezia e di Norvegia, il 21 gennaio 1904, "in memoria dei gloriosi eventi associati alla Norvegia".

StoriaModifica

L'Ordine venne fondato come Ordine supremo norvegese equivalente allo svedese Ordine dei Serafini, ma riservato unicamente al Regno di Norvegia, comprendeva l'unica classe di cavaliere.

L'Unione tra Svezia e Norvegia venne dissolta però nel 1905, prima che venissero concessi conferimenti dell'onorificenza a cittadini norvegesi. Re Oscar II nominò cavalieri dell'Ordine, per tanto, solo alcuni membri della Casa reale di Svezia e alcuni cavalieri onorari stranieri. Il nuovo re Haakon VII di Norvegia decise di non conferire questa onorificenza, pur rimanendone Gran maestro senza comunque mai indossarne le insegne. L'Ordine, cessato per tanto nell'ordinamento svedese e passato nella fons honorum del sovrano norvegese, divenne di fatto quiescente e fu abolito ufficialmente con una risoluzione di corte di re Haakon VII l'11 maggio 1952. L'ultimo cavaliere vivente fu re Gustavo VI Adolfo di Svezia il quale morì nel 1973.

InsegneModifica

 
La medaglia dell'Ordine

La medaglia dell'Ordine consiste in un medaglione ovale sormontato dalla corona svedese ed affiancato da una cornice d'oro avente in centro un'area smaltata di rosso con un leone d'oro (stemma della Norvegia). Sul retro, nello spazio centrale, si trova il motto in norvegese: "Over Dybet mot Høiden" (Oltre il profondo verso l'alto). Il medaglione è di cm 9 di altezza e pesa g 62.

La placca dell'Ordine consiste in una stella a croce greca d'oro a otto punte smaltata di bianco con al centro un medaglione smaltato di rosso con un leone d'oro al centro. Su ciascuna delle otto punte della stella si trova otto punte è che un bianco smaltato greco con al centro un medaglione con il Leone norvegese. Su ciascuna delle otto punte della stella si trovano altrettante sfere d'oro. Attorno al medaglione centrale si trova una catena con alternato lo stemma araldico norvegese e il monogramma del fondatore. La stella è alta cm 9 e pesa g 93, il tutto è in oro 18 carati.

Il collare dell'Ordine è composto da una catena d'oro del peso complessivo di 450 grammi e la lunghezza di poco superiore al metro. Lungo la catena si alternano nove monogrammi del fondatore a otto stemmi araldici norvegesi.

Il nastro è blu con una striscia rossa e una bianca per parte.

Elenco completo dei cavalieriModifica

 
Oscar II con la fascia e la stella dell'Ordine

In occasione del proprio genetliaco, il 21 gennaio 1904, che rappresenta l'unica concessione dell'onorificenza, re Oscar II conferì l'Ordine ai seguenti cavalieri:

Re Oscar II conferì successivamente, inoltre, delle concessioni onorarie dell'Ordine ad alcuni sovrani e capi di stato esteri:

  • S.M.I. e R. Guglielmo II, Imperatore tedesco e Re di Prussia (27 gennaio 1904)
  • S.M.I. e R. Francesco Giuseppe I, Imperatore d'Austria e Re d'Ungheria (5 aprile 1904)
  • S.M. Cristiano IX, Re di Danimarca (10 settembre 1904)
  • S.E. Émile Loubet, Presidente della Repubblica francese (1º dicembre 1904, ultimo insignito dell'Ordine).

Re Haakon VII di Norvegia divenne formalmente Gran Maestro dell'Ordine il 18 novembre 1905 ma non indossò mai le insegne.

BibliografiaModifica

  • Lobkowicz František Encyklopedie řádů a vyznamenání, Praga, 1999. p. 255 ISBN 80-85983-71-0
  • Arnhard Graf Klenau, Europäische Orden ab 1700, Monaco di Baviera, 1978

Altri progettiModifica