Osservatorio astrofisico di Asiago

osservatorio astronomico italiano

L'osservatorio astrofisico di Asiago è un osservatorio astronomico di proprietà dell'Università di Padova e gestito dal dipartimento di fisica e astronomia dell'Università patavina. All'atto dell'inaugurazione fu il più grande telescopio d'Europa.[1]

Osservatorio astrofisico di Asiago
Telescopio Galileo da 122cm di diametro
OrganizzazioneUniversità degli Studi di Padova
Codice043
StatoBandiera dell'Italia Italia
Localitàcontrada Pennar, Asiago (VI)
Coordinate45°52′00″N 11°31′35″E / 45.866667°N 11.526389°E45.866667; 11.526389
Altitudine1 050 m s.l.m.
Fondazione1942
SitoSito ufficiale
Telescopi
Galileocassegrain da 122 cm
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Osservatorio astrofisico di Asiago
Osservatorio astrofisico di Asiago

Localizzazione modifica

L'osservatorio è ubicato sull'altopiano di Asiago in località Pennar, ad un'altitudine di circa 1050 m s.l.m. A 3,85 km in linea d'aria a sud-est dell'osservatorio si trova la stazione osservativa di Asiago Cima Ekar, di cui ospita i terminali di controllo.

Storia modifica

Fondato nel 1942, dal 2001 lo strumento è utilizzato anche per finalità didattiche e di orientamento universitario, il suo utilizzo è inoltre indirizzato come banco di prova per tecnologie ottiche avanzate necessarie al funzionamento dei futuri telescopi ottici da 50–100 m di diametro.
La struttura venne progettata dall'architetto Daniele Calabi negli anni trenta dello scorso secolo, in uno stile molto particolare.

Nonostante i suoi anni, questo osservatorio resta un polo scientifico molto importante e molto utilizzato sia per la quantità/qualità dei dati prodotti sia per il suo ruolo didattico e divulgativo.

Caratteristiche modifica

È costituito da due distinte cupole: la prima ospita il telescopio Galileo da 122 cm mentre la seconda ospitava un telescopio Schmidt da 67/92 cm (il telescopio venne traslato a cima Ekar nel 1991, sicché oggi la seconda cupola è vuota e viene utilizzata come sala didattica). Era presente anche uno Schmidt da 50/40, attivo dal 1958 al 1992. La struttura principale ospita anche il museo degli strumenti scientifici.

Il telescopio Galileo è stato recentemente oggetto di una significativa ristrutturazione che ha riguardato l'intero sistema ottico che lo compone e che ne ha aumentato le prestazioni e l'utilizzabilità. I principali interventi hanno riguardato la levigatura e illuminazione dello specchio primario, il potenziamento del controllo remoto di telescopio e cupola e la sostituzione dello specchio secondario. Quest'ultimo intervento ha cambiato la configurazione Cassegrain del telescopio da f/16 con 19130 mm di lunghezza focale in Cassegrain f/10 con una focale ridotta a 12000 mm.

Il Galileo è oggi usato esclusivamente come spettrografo non essendo dotato di camere adatte alle attività di imaging.

Galleria d'immagini modifica

Note modifica

  1. ^ Dipartimento di Astronomia di Padova, su dipastro.pd.astro.it. URL consultato il 22 aprile 2023.

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN124902606 · ISNI (EN0000 0000 9660 1417 · SBN SBLV082208 · LCCN (ENn85021489 · GND (DE1229842-6 · WorldCat Identities (ENlccn-n85021489