Apri il menu principale
Portale Astronomia Astronomia Portale Marte Marte Portale Oggetti non stellari Oggetti non stellari Portale Sistema Solare Sistema solare Portale Stelle Stelle

Portale Astronomia

Benvenuti nel Portale Astronomia di it.wikipedia!

Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Il telescopio Hooker, utilizzato da Edwin Hubble.
Un radiotelescopio.

L'astronomia è probabilmente la più antica delle scienze naturali, lontana nel tempo tanto quanto l'origine dell'uomo. Il termine astronomia deriva dal greco antico ἀστρονομία, composto da ἀστῄρ (astér, stella) e νόμος (nòmos, legge), e significa leggi delle stelle. È la disciplina che si occupa dell'osservazione e dell'interpretazione, secondo il metodo scientifico, dei fenomeni celesti. Sua materia di studio sono le origini e l'evoluzione dell'Universo e le proprietà fisiche, chimiche e temporali degli oggetti che ne fanno parte. Comprende aree comuni con la fisica, quali l'astrofisica e la cosmologia. L'astronomia non deve essere confusa con l'astrologia, una pseudoscienza la quale sostiene che i fenomeni celesti abbiano un'influenza sugli eventi che accadono sulla Terra ed in particolare sull'uomo.

Il Portale Astronomia, fondato e gestito dal Progetto Astronomia, ha l'obiettivo di occuparsi di tutto ciò che riguarda la nostra conoscenza dello spazio e delle leggi fisiche che lo governano, ad eccezione dei temi strettamente legati all'esplorazione spaziale, di competenza del Portale Astronautica.


P game.svg   
Cerca   

Astronomia sferica Astronomia sferica

Sfera celeste · Eclittica · Asse celeste · Polo celeste · Equatore celeste · Emisfero celeste · Meridiano celeste · Coordinate · Ascensione retta · Declinazione · Altezza · Azimut · Meridiano locale · Zenit · Nadir

Meccanica celeste
Meccanica celeste

Epoca · Orbita · Moto di rivoluzione · Leggi di Keplero · Apside · Congiunzione · Quadratura · Elongazione · Fase · Moti millenari· Precessione degli equinozi · Nutazione · Librazione · Occultazione · Eclissi · Stagioni · Equinozio · Solstizio

Planetologia
Planetologia

Sistema planetario (Sistema solare) · Pianeti · Planemo · Pianeti interstellari · Pianeti nani · Satelliti · Anelli · Planetesimi · Protopianeti · Corpi minori · Asteroidi · Satelliti asteroidali · Comete · Bolidi · Meteoriti

Stelle e galassie Astronomia stellare, galattica ed extragalattica

Stelle · Ammassi e associazioni stellari · Nubi interstellari · Galassie · Gruppi e ammassi galattici · Superammassi · Filamenti · Vuoti · Grande Muraglia · Campo profondo e ultraprofondo di Hubble · Struttura a grande scala dell'universo

Astrofisica Astrofisica

Evoluzione stellare · Diagramma H-R · Sequenza principale · Stelle variabili · Supernovae · Lampo gamma · Stelle degeneri · Nane bianche · Stelle di neutroni e Pulsar · Stelle esotiche · Buchi neri · Galassie attive · Quasar · Blazar · Radiogalassie

Cosmologia Cosmologia

Teoria della relatività · Radiazione cosmica di fondo · Big Bang · Costante cosmologica · Destino ultimo dell'universo · Inflazione · Materia oscura · Energia oscura · Espansione metrica dello spazio · Quintessenza · Nucleosintesi · Universo osservabile · Universo

Astronomia osservativa Astronomia osservativa e sperimentale

Amatoriale · Telescopio · Radiotelescopio · Osservatorio · Costellazioni · Radioastronomia · Astronomia dell'infrarosso · Ottica · Dell'ultravioletto · A raggi X · A raggi γ · Dei neutrini · Delle onde gravitazionali · Radar

Scienze dello spazio
Scienze dello spazio

Astrochimica · Spettroscopia · Esogeologia · Esobiologia · Astronautica · Astrometria · Medicina spaziale

Storia
Storia dell'astronomia

Archeoastronomia · Storia dell'astronomia · Geocentrismo · Eliocentrismo · Sistema ticonico · Cronologia della scoperta di pianeti e satelliti del Sistema solare

Divulgazione Divulgazione astronomica
Planetario · Astronomi · Testi di astronomia e astrofisica · Riviste: A&A · AJ · ApJ · Coelum · MNRAS · Enti e associazioni: UAI · AAVSO · AAS · ASP · INAF · RAS
Logo della sezione Attualità celesti

Attualità celesti

RX J1131.jpg

Xinyu Dai ed Eduardo Guerras dell'Università dell'Oklahoma, studiando il quasar Rx J1131–1231 (nella fotografia) utilizzando osservazioni condotte con il telescopio spaziale Chandra, hanno mostrato come sia possibile utilizzare il fenomeno del microlensing gravitazionale per studiare la popolazione di pianeti esistenti nella galassia che funge da lente.

PIA21421 - Abstract Concept of TRAPPIST-1 System.jpg

Stime delle densità degli esopianeti in orbita attorno alla nana rossa ultrafredda TRAPPIST-1 (a 39,5 anni luce dal Sole) suggeriscono che essi possano essere ricchi di acqua. L'osservazione dei loro transiti aveva già permesso la loro scoperta e la determinazione delle loro dimensioni. La perioditicità dei transiti risulta tuttavia alterata dalle interazioni gravitazionali tra i pianeti - così vicini tra loro. Ricercatori guidati da Simon Grimm dell'Univeristà di Berna hanno allora utilizzato le variazioni orbitali determinate dagli avvicinamenti tra i pianeti per stimarne le masse.

Vedi anche l'Archivio delle notizie precedenti

Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Logo della sezione Il cielo nel mese di giugno

Il cielo nel mese di giugno

KStars icon oxygen hicolor.svg
Il cielo di giugno mostra ad est le caratteristiche tipiche del cielo dell'estate...
Carte celesti
01giu.png
Mappa del cielo a 42°N, ore 23:00 (CET)
1º giugno 2019 (ingrandisci)
15mag.png
Mappa del cielo a 42°N, ore 23:00 (CET)
15 giugno 2019 (ingrandisci)
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Logo della sezione I protagonisti dell'astronomia

I protagonisti dell'astronomia

Keplero

Giovanni Keplero (tedesco: Johannes Kepler; latino: Ioannes Keplerus; Weil der Stadt, 27 dicembre 1571Ratisbona, 15 novembre 1630) è stato un astronomo, astrologo e matematico tedesco. Scoprì empiricamente le leggi che regolano il movimento dei pianeti e che sono chiamate, appunto, leggi di Keplero.

Keplero nacque da famiglia luterana. Sua madre gli mostrò la cometa del 1577 e l'eclissi lunare del 1580 svegliando così in Keplero l'interesse per l'astronomia. Nel 1591 comincia lo studio di teologia a Tubinga, un'università protestante dove si trovavano alcuni seguaci del copernicanesimo, tra cui Michael Maestlin che convinse Keplero della validità delle teorie di Niccolò Copernico.

Nel 1594 diventa insegnante di matematica a Graz (Austria) e accetta un posto di matematico degli stati di Stiria. Tra le sue mansioni, c'era quella di fare "pronostici" e gli capitò di prevedere un inverno molto rigido, le rivolte contadine e la guerra con i Turchi. Anche negli anni a seguire non si sottrae dalla stesura di oroscopi che si configurano come ritratti dal forte tratto psicologico.

Continua a leggere la voce...
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Logo della sezione In evidenza

In evidenza

Un buco nero in una rappresentazione artistica della NASA.

In astrofisica si definisce buco nero un corpo celeste estremamente denso, dotato di un'attrazione gravitazionale talmente elevata da non permettere l'allontanamento di alcunché dalla propria superficie. Questa condizione si ottiene quando la velocità di fuga dalla sua superficie è superiore alla velocità della luce. Un corpo celeste con questa proprietà risulterebbe invisibile e la sua presenza potrebbe essere rilevata solo indirettamente, tramite gli effetti del suo intenso campo gravitazionale. Fino ad oggi sono state raccolte numerose osservazioni astrofisiche che possono essere interpretate (anche se non univocamente) come indicazioni dell'effettiva esistenza di buchi neri nell'Universo. Il termine "buco nero" è dovuto al fisico John Archibald Wheeler (in precedenza si parlava di dark stars o black stars).

Poiché anche nella teoria gravitazionale newtoniana la velocità di fuga dipende dalla massa del corpo in moto nel campo di gravità, già nel 1783 lo scienziato inglese John Michell suggerì in una lettera a Henry Cavendish (successivamente pubblicata nei rendiconti della Royal Society) che la velocità di fuga di un corpo celeste potrebbe risultare superiore alla velocità della luce, dando luogo a quella che egli chiamò una dark star. Nel 1795 Pierre-Simon de Laplace riportò quest'idea nella prima edizione del suo trattato Mécanique céleste.

Continua a leggere la voce...
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Logo della sezione Immagini dal cielo

Immagini dal cielo

NASA-Apollo8-Dec24-Earthrise.jpg
La Terra vista dalla Luna, fotografata durante la missione Apollo 8 il 24 dicembre 1968.
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Logo della sezione Wikibooks

Wikibooks

Wikibooks-logo.svg Su Wikibooks sono disponibili diversi libri sull'osservazione astronomica, sia in lingua italiana sia in inglese; si tratta di e-book liberi e gratuiti, disponibili anche in formato .pdf.
  • Il manuale Osservare il cielo è un valido strumento indirizzato a tutti coloro che per la prima volta si avventurano nell'osservazione della volta celeste, sia con l'ausilio di strumenti come binocoli astronomici o telescopi amatoriali, sia semplicemente ad occhio nudo. Attraverso l'aiuto di carte celesti dettagliate, l'apprendista astrofilo sarà guidato passo passo nell'esplorazione celeste, dalle stelle più facilmente riconoscibili, alle costellazioni più nascoste e agli oggetti più famosi. Versione .pdf.
  • Il manuale Guida alle costellazioni è pensato per tutti coloro che, una volta superato lo scoglio costituito dal primissimo approccio alla volta stellata, intendano approfondire l’argomento avventurandosi alla scoperta delle stelle e degli oggetti celesti presenti in ciascuna costellazione, per scoprirne le bellezze e le particolarità. Versione .pdf.
Osservare il cielo.png
Guida alle costellazioni.png
Observing the Sky from 40°N - Cover.png
Per chi ha una certa dimestichezza con la lingua inglese, consigliamo anche la lettura di Observing the Sky from 40°N, versione anglofona di Osservare il cielo da 40°N, e dell'atlante Observing the Sky from 30°S. Si tratta di due atlanti pensati per osservatori situati rispettivamente al 40º parallelo nord e a 30º parallelo sud: le loro 24 mappe sono infatti regolate a queste due latitudini; contengono anche informazioni su alcune stelle doppie e variabili e su circa 160 oggetti del profondo cielo osservabili da queste latitudini.

Versione .pdf: 40°N30°S.

Observing the Sky from 30°S - Cover.png
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Logo della sezione Avvenimenti del 18 giugno

Avvenimenti del 18 giugno

Non si segnalano eventi per questo giorno

Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Logo della sezione Almanacco astronomico – giugno 2019

Almanacco astronomico – giugno 2019

I principali eventi astronomici che caratterizzeranno il mese di giugno 2019.

Crystal Project kstars.png

Informazione non disponibile. È necessario aggiornare questa pagina al mese corrente. Se non sai come farlo, avvisa il Progetto Astronomia.

Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Logo della sezione Lo sapevi che...

Lo sapevi che...

Il "Gesto di Dio"
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Logo della sezione Qualità

Qualità

Goldenwiki.png

Questa lista contiene sia le voci astronomiche che la comunità di Wikipedia ha ritenuto meritevoli della vetrina, perché rispondenti ai criteri di esaustività, stabilità, verificabilità e bella prosa, sia le voci di qualità, che rispondono a specifici criteri.



Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Logo della sezione Novità

Novità

Queste sono le ultime 50 voci di argomento astronomico create o sostanzialmente ampliate dai partecipanti al progetto, ordinate per data di creazione o ampliamento.

  1. 307P/LINEAR (17/06)
  2. 132P/Helin-Roman-Alu (17/06)
  3. 136P/Mueller (17/06)
  4. 131P/Mueller (12/06)
  5. 121P/Shoemaker-Holt (12/06)
  6. 120P/Mueller (12/06)
  7. José Alberto da Silva Campos (12/06)
  8. NGTS-1 b (01/06)
  9. Victor Daimaca (31/05)
  10. P/2016 J3 STEREO (31/05)
  11. 194P/LINEAR (31/05)
  12. 119P/Parker-Hartley (31/05)
  13. C/1952 M1 Peltier (31/05)
  14. C/2002 F1 Utsunomiya (31/05)
  15. Richard Miles (astronomo) (29/05)
  16. 301263 Anitaheward (29/05)
  17. Gruppo di galassie (29/05)
  18. David McDonald (28/05)
  19. 281507 Johnellen (28/05)
  20. Ammasso di galassie (28/05)
  21. Plasmasfera (19/05)
  22. Leslie Copus Peltier (21/05)
  23. Grande Cometa del 1744 (18/05)
  24. C/1861 G1 Thatcher (17/05)
  25. Meteorite di Saint-Aubin (16/05)
  26. Genichi Araki (16/05)
  27. C/1959 Q1 Alcock (13/05)
  28. Sandra Faber (13/05)
  29. C/1959 Q2 Alcock (12/05)
  30. C/1963 F1 Alcock (09/05)
  31. 190P/Mueller (30/04)
  32. Megan E. Schwamb (22/04)
  33. 229762 G!kún‖'hòmdímà (22/04)
  34. Dan Beaver (20/04)
  35. 331785 Sumners (20/04)
  36. C/1847 T1 Mitchell (20/04)
  37. Sandro Bartolini (15/04)
  38. 29761 Lorenzo (15/04)
  39. C/2016 R2 PANSTARRS (28/03)
  40. Osservatorio Konkoly (24/03)
  41. C/2018 V1 Machholz-Fujikawa-Iwamoto (24/03)
  42. 347P/PANSTARRS (24/03)
  43. Société Astronomique de France (24/03)
  44. Fernand Baldet (20/03)
  45. Dominion Astrophysical Observatory (19/03)
  46. Matariki (18/03)
  47. 349P/Lemmon (12/03)
  48. 335P/Gibbs (12/03)
  49. 155P/Shoemaker (12/03)
  50. 152P/Helin-Lawrence (12/03)
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Logo della sezione Albero delle categorie

Albero delle categorie

Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Logo della sezione Collabora anche tu!

Collabora anche tu!

Whirpool Galaxy.jpg

Il punto di ritrovo per quanti collaborano alle voci di astronomia ed astrofisica è il Progetto Astronomia, costantemente impegnato per aggiornare, creare e approfondire le voci pertinenti a questi argomenti; tuttavia, il lavoro da svolgere è davvero notevole.

Se desideri collaborare, iscriviti al progetto! Qualora avessi invece la necessità di contattare il progetto per segnalazioni, richieste, suggerimenti e quant'altro, lascia un messaggio ad Ishtar Terra, il nostro bar tematico.

Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Logo della sezione Progetti Wikimedia

Progetti Wikimedia

L'astronomia è trattata non solo su Wikipedia, ma anche negli altri progetti della WMF:

Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif