Otto Kern

Otto Ferdinand Georg Kern (Bad Kösen, 14 febbraio 1863Halle, 31 gennaio 1942) è stato un archeologo, filologo classico, epigrafista, storico e linguista tedesco.

Otto Kern, pittura ad olio di Paul Moennich, 1906

Si specializzò nel campo della religione dell'Antica Grecia facendo indagini sulle religioni misteriche e sull'orfismo

BiografiaModifica

Studiò filologia classica e archeologia presso le università di Berlino e di Gottinga e conseguì il dottorato nel 1888. Come studente, ebbe come insegnanti Ernst Curtius, Hermann Diels e Ulrich von Wilamowitz-Moellendorff. Dopo la laurea, lavorò a Berlino come assistente di Carl Robert. Dal 1890 al 1893 fece un viaggio in Italia, in Grecia e in Asia Minore, dove partecipò agli scavi di Magnesia al Meandro come assistente di Carl Humann.[1][2]

Nel 1894 si qualificò come docente a Berlino, diventando successivamente professore associato presso l'Università di Rostock (1897). Nel 1900 raggiunse la sua cattedra completa, e nel 1907 si trasferì a l'Università di Halle-Wittenberg, dove nel 1915/1916 divenne rettore universitario.

Opere principaliModifica

Tra le sue opere migliori fu uno scritto sulla storia religiosa dell'Antica Grecia, Die Religion der Griechen (1926–38):

  • Vol. 1. Von den Anfängen bis Hesiod.
  • Vol. 2. Die Hochblüte bis zum Ausgange des fünften Jahrhunderts.
  • Vol. 3. Von Platon bis Kaiser Julian.

Altre sue opere significative:

  • Die Gründungsgeschichte von Magnesia am Maiandros, 1894.
  • Beiträge zur Geschichte der griechischen Philosophie und Religion (con Paul Wendland), 1895.
  • Ueber die Anfänge der hellenischen Religion, 1902.
  • Eleusinische Beiträge, 1909.
  • Nord-griechische Skizzen, 1912.
  • Inscriptiones Graecae, 1913.
  • Orpheus. Eine religionsgeschichtliche Untersuchung, 1920.[3][4]

NoteModifica

  1. ^ Otto Kern @ NDB/ADB Deutsche Biographe
  2. ^ Catalogus Professorum Halensis Biographical sketch
  3. ^ WorldCat Identities Most widely held works by Otto Kern
  4. ^ German Wikisource Bibliography of Otto Kern

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN109608267 · ISNI (EN0000 0001 0933 4857 · LCCN (ENn85372660 · GND (DE116140623 · BNF (FRcb123235176 (data) · NLA (EN36579502 · BAV (EN495/184719 · WorldCat Identities (ENlccn-n85372660