Oxford English Dictionary

L'Oxford English Dictionary (OED) è il principale dizionario storico della lingua inglese, pubblicato dalla Oxford University Press (OUP). Tracciando lo sviluppo dell'inglese nel corso della storia, fornisce una risorsa completa per gli studiosi e gli accademici, oltre a descrivere l'utilizzo della lingua nelle sue molte varianti intorno al mondo.[1]

Alcuni volumi della seconda edizione dell'Oxford English Dictionary

Il lavoro sul dizionario cominciò nel 1857, ma fu solo nel 1884 che cominciò a venir pubblicato in parti mentre il lavoro era in corso, con il nome di A New English Dictionary on Historical Principles; Founded Mainly on the Materials Collected by The Philological Society (lett. "Un nuovo dizionario inglese sui principi storici; fondato principalmente sui materiali raccolti dalla Società filologica"). Nel 1895 si usò per la prima volta, in maniera non ufficiale, il titolo The Oxford English Dictionary sulle copertine della serie, e nel 1928 l'intero dizionario fu ripubblicato in volumi rilegati. Nel 1933, il titolo The Oxford English Dictionary sostituì completamente il vecchio nome in tutte le occorrenze della ristampa in 12 volumi più uno di supplemento. Molti supplementi uscirono negli anni fino al 1989, quando fu pubblicata la seconda edizione, comprendente 21728 pagine in 20 volumi.[2] Dal 2000, è in corso la composizione della terza edizione, metà della quale è stata completata nel 2018.[2]

La prima versione elettronica del dizionario fu resa disponibile nel 1988. La versione in linea è disponibile dal 2000, e all'aprile 2014 riceveva più di due milioni di visite al mese. Con ogni probabilità, la terza edizione sarà pubblicata esclusivamente in formato elettronico; l'amministratore dell'Oxford University Press ha affermato che una futura stampa sia improbabile.[2][3][4]

Nei mediaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Il professore e il pazzo.

NoteModifica

  1. ^ About, su Oxford English Dictionary. URL consultato il 13 novembre 2021.
    «As a historical dictionary, the OED is very different from those of current English, in which the focus is on present-day meanings.»
  2. ^ a b c Andrew Dickson, Inside the OED: can the world's biggest dictionary survive the internet?, in The Guardian, 23 febbraio 2018. URL consultato il 13 dicembre 2020.
  3. ^ Alastair Alastair Jamieson, Oxford English Dictionary 'will not be printed again', su The Telegraph, 29 agosto 2010. URL consultato l'11 agosto 2012.
  4. ^ Padraic Flanagan, RIP for OED as world's finest dictionary goes out of print, in The Telegraph, 20 aprile 2014. URL consultato l'8 giugno 2014.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN179862099 · LCCN (ENn85201132 · GND (DE4185017-8 · BNF (FRcb12264507s (data) · J9U (ENHE987007410172305171