Apri il menu principale

BiografiaModifica

Poeta di scuola petrarchista, divenne segretario di Carlo Emanuele I di Savoia, duca di Savoia nella sua corte che si era trasferita pochi anni prima da Chambéry a Torino. Nel 1601 pubblicò alcune lettere epistolari di Torquato Tasso proponendo su di esse una suddivisione per argomenti[1]. Tradusse dallo spagnolo all'italiano alcuni sonetti del poeta spagnolo Hernando de Acuña, appropriandosi di questi[2].

NoteModifica

OpereModifica

  • Paolo Filippi dalla Briga, Rime di Paolo Filippi dalla Briga, Appresso Zuane Zenaro, Venezia, 1607

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie