Apri il menu principale

1leftarrow blue.svgVoce principale: Parabole di Gesù.

Il fariseo
il pubblicano

La Parabola del fariseo e del pubblicano è una parabola di Gesù raccontata solamente dal Vangelo secondo Luca: 18,9-14.

Indice

Testo della parabola secondo il Vangelo di LucaModifica

Il Vangelo secondo Luca dice che Gesù raccontò ancora questa parabola per "alcuni che presumevano di esser giusti e disprezzavano gli altri":

« Due uomini salirono al tempio a pregare: uno era fariseo e l'altro pubblicano. Il fariseo, stando in piedi, pregava così tra sé: O Dio, ti ringrazio che non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adùlteri, e neppure come questo pubblicano. Digiuno due volte la settimana e pago le decime di quanto possiedo. Il pubblicano invece, fermatosi a distanza, non osava nemmeno alzare gli occhi al cielo, ma si batteva il petto dicendo: O Dio, abbi pietà di me peccatore. Io vi dico: questi tornò a casa sua giustificato, a differenza dell'altro, perché chi si esalta sarà umiliato e chi si umilia sarà esaltato »   (Luca 18,10-14)

Struttura della parabolaModifica

La parabola inizia con il numero due. Questo, come in altri casi nei Vangeli, sottolinea che ci sono due vie: la pecora smarrita e la pecora ritrovata, il figliol prodigo e suo fratello maggiore, la porta stretta e la porta larga, la casa costruita sulla sabbia e la casa costruita sulla roccia, e ancora i due ladroni crocifissi, uno alla sinistra e uno alla destra di Gesù, che rappresentano due posizioni rispetto alla Grazia di Dio.

PersonaggiModifica

Al tempo di Gesù i Farisei erano un gruppo religioso molto stimato all'interno della comunità a motivo della loro adesione rigorosa alla legge di Mosè.

D'altra parte i pubblicani erano ebrei che collaboravano con l'Impero romano, riscuotendo a loro nome le tasse, e godevano di una fama pessima. Venivano considerati peccatori pubblici. Nella parabola Gesù presenta questi due uomini nel contesto dello stereotipo popolare del tempo.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85100580