Partito Comunista della Lituania

Partito Comunista della Lituania
(LT) Lietuvos komunistų partija
Hammer and sickle red on transparent.svg
StatoRSS Lituana RSS Lituana
SedeVilnius
Fondazione1918
Dissoluzione1991
PartitoPartito Comunista dell'Unione Sovietica
IdeologiaComunismo
Marxismo-leninismo
CollocazioneSinistra radicale
Colorirosso

Il Partito Comunista della Lituania (in lituano Lietuvos komunistų partija) fu la sezione di livello repubblicano del Partito Comunista dell'Unione Sovietica nella Repubblica Socialista Sovietica Lituana a partire dalla formazione di tale entità statale, nel 1940. Il partito era tuttavia operativo fin dal 1918, anno in cui nacque una prima Repubblica sovietica lituana di breve durata, [1] unificata tra il 1919 e il 1920 alla Bielorussia nella Repubblica Socialista Sovietica Lituano-Bielorussa, il che portò alla temporanea unificazione anche della sezione del partito.[2]

Nel dicembre 1989, al XX Congresso del PC della Lituania, il partito subì una scissione fra una componente che si rese indipendente dal PCUS (e assunse dapprima la denominazione di Partito comunista autonomo e poi quella di Partito democratico del lavoro)[3] ed un'altra componente che proseguì a operare nell'ambito del partito dell'Unione.[4]

NoteModifica

SitografiaModifica

  • (RU) Litva, su Spravočnik po istorii Kommunističeskoj partii i Sovetskogo Sojuza 1898-1991. URL consultato il 3 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2017).
  • (RU) Kommunističeskaja partija Litvy i Belorussii, su Spravočnik po istorii Kommunističeskoj partii i Sovetskogo Sojuza 1898-1991. URL consultato il 3 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2017).
  • (RU) Kommunističeskaja partija Litvy (samostojatel'naja), su Spravočnik po istorii Kommunističeskoj partii i Sovetskogo Sojuza 1898-1991. URL consultato il 3 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2017).
  • (RU) Kommunističeskaja partija Litvy (KPSS), su Spravočnik po istorii Kommunističeskoj partii i Sovetskogo Sojuza 1898-1991. URL consultato il 3 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2017).

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN158899660 · ISNI (EN0000 0001 1093 0963 · LCCN (ENn81119191 · WorldCat Identities (ENlccn-n81119191