Patio de los Naranjos

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'analogo spazio aperto nella Cattedrale di Cordova, vedi Grande moschea di Cordova.
Il Patio de los Naranjos.
Giralda de Sevilla con adornos.JPG

Il Patio de los Naranjos (cortile degli aranci) è uno spazio aperto costituito da un terreno piantumato con alberi di arancio annesso alla Cattedrale di Siviglia, sorta sul terreno ove si trovava la moschea almohade. Ha una forma rettangolare e le sue dimensioni sono di 43 per 81 metri. I lavori iniziarono nel 1172 e si conclusero nel 1186. Dopo la caduta della città in mano cristiana, il cortile servì come cimitero.

I lati minori consistevano di sette archi centrali, mentre quello maggiore era dotati di tredici archi e quello centrale era corrispondente all'ingresso principale del sito arabo originario, ora conosciuto come Puerta del Perdón. L'ex sala di preghiera della moschea è il luogo in cui oggi sorge la Puerta de la Concepción. È decorata in stile rinascimentale e si distacca dalla parte superiore visigota.

Attualmente risulta completamente integrato nella struttura della cattedrale. Nel tempo ha subito molte modifiche che lo hanno privato delle sue caratteristiche originarie. Nel 1618 l'ala ovest venne demolita per erigere la Chiesa del Tabernacolo che diede al recinto la connotazione di notevole carattere religioso.

BibliografiaModifica

  • (ES) Santiago Montoto, Esquinas y conventos de Sevilla, Siviglia, Università di Siviglia, 1991, pp. 53-56, ISBN 84-74056-713.

Altri progettiModifica