Patria Costantinopolitana

Patria Costantinopolitana
Titolo originaleΠάτρια Κονσταντινουπόλεως
Altri titoliScriptores originum Costantinopolitarum
AutoreStorici bizantini anonimi, Esichio di Mileto
1ª ed. originalefine del X secolo
Generesaggio storico
Sottogenerecatalogo dei monumenti
Lingua originalegreco alto medievale
AmbientazioneCostantinopoli, Impero Romano d'Oriente

La Patria Costantinopolitana (in greco: Πάτρια Κωνσταντινουπόλεως),[1] conosciuta anche con il nome latino di Scriptores originum Constantinopolitarum ("scrittori delle origini di Costantinopoli"), è una collezione di opere storiche bizantine sulla storia e monumenti della capitale imperiale bizantina di Costantinopoli (moderna Istanbul, Turchia).[2]

Anche se in passato attribuita allo scrittore del XIV secolo Giorgio Codino,[3] la raccolta risale a secoli precedenti, essendo probabilmente stata prima compilata circa nel 995 durante il regno di Basilio II (r. 976-1025) e poi rivista e ampliata durante il regno di Alessio I Comneno (r. 1081-1118).[4]

La collezione contiene:

  • Una parte della patria del VI secolo, dello scrittore pagano Esichio di Mileto, sulla storia di Bisanzio dalla sua fondazione al tempo in cui venne rifondata da Costantino I come Costantinopoli.[5]
  • La Parastaseis syntomoi chronikai, che si concentra principalmente sulle sculture antiche della città.
  • Un altro set di patria risalente a ca. il 995.[2]
  • Una Storia sulla costruzione della basilica di Santa Sofia di un anonimo, scritta tra la fine del 6 ° e quella del tardo X secolo, ma più probabilmente in un certo momento del IX secolo.[2]
  • Uno studio topografico dedicato ad Alessio I.[2]

Da un punto di vista archeologico, la Patria è un testimone prezioso sulla storia delle origini di Bisanzio e di vari monumenti di Costantinopoli. Tuttavia, essa deve essere esaminata con cura, dal momento che spesso mescola fatti con finzione e leggende metropolitane.[2] Da un punto di vista politico, la Patria è interessante per la sua interpretazione degli imperatori, che sono relativamente assenti dal racconto della città imperiale, e sono in gran parte confinati in un ruolo di "indicatori cronologici".[2]

NoteModifica

  1. ^ Patria è un genere letterario tardo antico dedicato alla storia, topografia e leggende locali. Kazhdan (1991), p. 1598
  2. ^ a b c d e f Kazhdan (1991), p. 1598
  3. ^ Kazhdan (1991), p. 1135
  4. ^ Cameron e Herrin (1984), p. 4
  5. ^ Kazhdan (1991), p. 924

BibliografiaModifica

  Portale Bisanzio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Bisanzio