Percosse

delitto previsto dal codice penale italiano

In diritto penale si definisce percosse il delitto previsto dall'art. 581 del Codice Penale ai sensi del quale: Chiunque percuote taluno, se dal fatto non deriva una malattia nel corpo o nella mente, è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione fino a sei mesi o con la multa fino a 309 euro.

Delitto di
Percosse
FonteCodice penale italiano
Libro II, Titolo XII, Capo I
Disposizioniart. 581
Competenzagiudice di pace
Procedibilitàa querela
Arrestonon consentito
Fermonon consentito
Penareclusione fino a 6 mesi o multa fino a 309 euro

Tale disposizione non si applica quando la legge considera la violenza come elemento costitutivo o come circostanza aggravante di un altro reato.

Il fatto tipico costituente il reato di percosse modifica

Al fine di ottenere la configurazione del reato di percosse, oggetto del fatto dovrà essere il percuotere un individuo, ovvero colpirlo o esercitare qualsiasi forma di violenza sul suo corpo.

Nel caso in cui un soggetto sia vittima sia di lesioni di carattere fisico che di carattere psichico non vi saranno i presupposti per la configurazione del reato previsto dall'art. 581 c.p.

Voci correlate modifica

Testi normativi modifica

Altri progetti modifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 21759 · LCCN (ENsh85008758 · J9U (ENHE987007295885005171
  Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto